Covid ultime 24h
casi +26.323
deceduti +686
tamponi +225.940
terapie intensive -20

Liliana Segre sull’astensione del centrodestra: “Credevo che la stagione dell’odio fosse finita, ma mi sbagliavo”

La senatrice a vita, sopravvissuta ad Auschwitz, in un'intervista a Repubblica commenta l'astensione dei partiti di destra dal voto sulla Commissione contro il razzismo

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 1 Nov. 2019 alle 12:25 Aggiornato il 1 Nov. 2019 alle 18:35
27k
Immagine di copertina
Liliana Segre (Credits: ANSA / MATTEO BAZZI)

Liliana Segre e l’astensione della destra sulla Commissione: “Stupita”

Liliana Segre, sopravvissuta ad Auschwitz e senatrice a vita, non ha dubbi sulle polemiche generate dall’astensione della destra dal voto sull’istituzione della Commissione straordinaria per il contrasto dei fenomeni di intolleranza e razzismo, antisemitismo e istigazione all’odio e alla violenza. E in un’intervista a Repubblica spiega: “Credevo che la stagione d’odio fosse finita dopo la guerra. Ma quando una democrazia è fragile, si possono ripetere situazioni del passato”.

La Segre, che ha posto la prima firma sulla mozione di maggioranza per l’istituzione della Commissione contro l’odio razziale, ha parlato di “un profondo senso di stupefazione, come difficilmente ci si può sorprendere” alla sua età. “Il mio – ha continuato la senatrice a vita, nominata il 18 febbraio del 2018 dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella – era un appello etico che parlava alle coscienze, alle anime e ai cervelli dell’intero ceto politico italiano, senza distinzione tra destra e sinistra. Davo per scontato che il Senato della Repubblica l’avrebbe accolto come si accoglie un principio fondamentale di civiltà”.

Commissione Segre contro il razzismo, le comunità ebraiche a TPI: “Astensione destra lascia sgomenti”

Invece così non è stato, o almeno in parte. I senatori di Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia si sono astenuti nelle procedure di voto. E sono rimasti seduti durante l’applauso dell’Aula dopo l’approvazione della mozione, con 151 voti a favore e 98 astensioni. A questo proposito, Liliana Segre decide di vedere il bicchiere mezzo pieno: “Ho sentito però degli applausi che partivano da quella parte dell’aula – ha dichiarato – e Mara Carfagna ha preso le distanze dall’astensione”.

Tuttavia, la senatrice a vita non ha risparmiato una stilettata a Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, che ha dichiarato che la Commissione potrebbe colpire gli italiani patriottici: “Ma come può venirle in mente? Mi ha telefonato l’altra sera: ‘Sa, ci siamo astenuti perché noi difendiamo la famiglia’. Le ho risposto: ‘Cara signora, io difendo così tanto la mia famiglia che sono stata sposata per sessant’anni con lo stesso uomo’. Qualcuno mi dovrà spiegare cosa c’entri tutto questo con la Commissione contro l’odio”.

Liliana Segre a TPI: “La Commissione razzismo serve per vincere contro gli odiatori seriali”

Non è mancata, durante l’intervista, una battuta anche su Matteo Salvini, che ha citato 1984 di George Orwell, paragonando la Commissione all’organo di uno Stato di polizia per l’imposizione del pensiero unico: “Mi sfugge cosa c’entri tutto questo con la commissione contro l’odio razziale – ha ribattuto Liliana Segre – Il nazionalismo aggressivo è cosa diversa dal patriottismo”.

Infine, dalla senatrice a vita è arrivato un altro chiaro messaggio: “No, il razzismo non è una cosa di cui si può discutere. Avendolo provato sulla mia pelle, pensavo che sulle discriminazioni razziali non ci fossero margini per i distinguo. Ma evidentemente i tempi sono cambiati. Oggi sono morti i carnefici e pure le vittime. La storia si può riscrivere”.

Liliana Segre sul voto: “Speravo nell’unanimità per questa cosa meravigliosa”

Liliana Segre e i 200 messaggi di odio che riceve ogni giorno

27k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.