Coronavirus:
positivi 46.175
deceduti 33.218
guariti 152.844

Matteo Salvini sfida il ministro Gualtieri: a gennaio duello in tv

Di Cristiana Mastronicola
Pubblicato il 8 Dic. 2019 alle 20:26
257
Immagine di copertina
Matteo Salvini; Roberto Gualtieri

Matteo Salvini sfida il ministro dell’Economia Gualtieri

Matteo Salvini lancia il guanto di sfida al ministro dell’Economia Roberto Gualtieri. Al centro dello scontro il nodo delicato degli asili nido. Ospiti entrambi della puntata dell’8 dicembre di Mezz’ora in più, il leader della Lega e il ministro dell’Economia si sono attaccati a vicenda partendo dalla questione calda del Mes.

Gualtieri nel salotto Rai di Lucia Annunziata ha parlato di un significativo taglio alle tasse e, soprattutto, di nidi gratis. “Ci siamo fatti trascinare nelle cronache su microaspetti, quando passeranno queste fasi emergeranno i contorni di fondo di una manovra che è riuscita ad evitare l’aumento dell’Iva senza toccare scuola, università, ricerca, anzi, aumentando le risorse dello Stato sociale” e che introduce “una significativa riduzione delle tasse sul lavoro”, ha detto il ministro commentando gli interventi della legge di Bilancio e aggiungendo che una delle misure a cui tiene molto è quella degli “asili nido saranno sostanzialmente gratuiti per la stragrande maggioranza dei cittadini italiani”.

Quando è stato il turno di Matteo Salvini, il leader della Lega ha voluto riprendere questo passaggio del ministro lanciando una vera e propria sfida all’inquilino di via Venti Settembre: “Ho sentito che la stragrande maggioranza degli italiani manderà gratis i bimbi al nido: è una fesseria priva di fondamento. A gennaio ci troviamo e vediamo se quello che ha detto Gualtieri è vero o è una bufala”.

Il ministro Gualtieri non si è sottratto alla provocazione dell’ex inquilino del Viminale e ha accettato la sfida. Nel corso della puntata, Gualtieri ha avuto modo di parlare del modo in cui l’ex ministro dell’Interno sta trattando la questione Mes, lanciando un attacco netto nei confronti di Salvini: “Quella sul Mes è una discussione che ci sarebbe stata comunque, a prescindere da questo dibattito sopra le righe, ma è avvenuta in un contesto in cui la Lega, Salvini e Borghi con cinismo hanno iniziato a fare una campagna terroristica per spaventare le persone. Certo, se non ci si riesce a esprimersi con competenza e serietà sulla Nutella è evidente che la credibilità su ciò che si dice sul Mes sia piuttosto scarsa”.

E sempre sulla stessa scia, polemizzando sul linguaggio utilizzato dalla Lega, il ministro ha aggiunto rispetto alla manovra: “Il rinvio è un fatto, ci sono anche dei miglioramenti che vanno valutati, c’è un orizzonte più largo sul pacchetto. Auspico che ci sia una risoluzione positiva che guardi in avanti e che raccolga il sostegno delle forze responsabili, anche non della maggioranza. Certo, chi vuole l’incidente, chi spaventa le persone in modo molto cinico dicendo che ci tolgono i soldi dai conto correnti, dubito possa convergere”.

Manovra 2020: cosa prevede la legge di Bilancio approvata dal governo

Manovra 2020, ministro D’Incà a TPI: “Bene lavoro maggioranza, rispettiamo il cronoprogramma”

Manovra 2020, la Commissione Ue dà il via libera ma avverte: “Rischia di non rispettare il Patto di Stabilità”

Cosa prevede la manovra varata dal Governo

257
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.