Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:23
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Il ritorno della Lega al Viminale, Salvini: “Lavoriamo sui dossier aperti, come le pistole taser alla Polizia”

Immagine di copertina

Salvini: “Contento per Molteni al Viminale”

La nomina di Nicola Molteni a sottosegretario del Viminale sembra un déjà vu: il leghista è stato già viceministro quando agli Interni c’era Matteo Salvini, è stato uno dei protagonisti dell’era dei “porti chiusi” e ha lavorato dietro le quinte alla scrittura dei decreti sicurezza. Ieri Salvini ha salutato così il suo ritorno parlando ai cronisti fuori dal Senato: “La presenza della Lega al ministero dell’Interno è una garanzia per l’Italia e per gli italiani”.

I dossier che l’ex ministro ha detto di voler rilanciare con Molteni sono quelli di pubblica sicurezza, “rimasti sul tavolo” dopo l’uscita dal Viminale ad agosto 2019. Tra questi, la dotazione per le forze dell’ordine di “pistole a impulso elettrico“. “Sono contento da che oggi pomeriggio un uomo di legge come l’avvocato Molteni torni al Viminale, perché di alcuni dossier non si ha più notizia – ha dichiarato Salvini – penso al taser, uno strumento che servirebbe non solo alle forze dell’ordine, ma anche al sistema Italia”, e su cui anche il neo sottosegretario ha posto l’accento ieri, ricordando che la Lega fece partire una sperimentazione poi rimasta bloccata.

In realtà fu la stessa Lamorgese a firmare il decreto che aggiunge le pistole elettriche all’elenco delle armi in dotazione, ma la prima gara non andò a buon fine. L’altra dovrebbe svolgersi a marzo. Poi, appunto, ci sono i decreti sicurezza. Il nuovo sottosegretario, che ha sempre difeso con orgoglio quelle norme e fino a un mese fa aveva diffuso un meme del ministro Lamorgese con la scritta “governo clandestino“, ha dichiarato che i decreti “per l’80 per cento sono ancora in vigore” e che “i porti vanno difesi, come il confine e come le frontiere, come fanno tutti gli altri paesi europei”.

Ma sulla possibile reintroduzione dei provvedimenti rimossi dalla maggioranza Pd-M5S – su input del Capo dello Stato Sergio Mattarella – ha affermato: “La decideranno i segretari di partito con il presidente del Consiglio”. Dal canto suo la ministra intende tenere la delega all’immigrazione, e non ha in programma di cambiare le norme sugli sbarchi. Lamorgese ha fatto notare, a chi ha tentato di raggiungerla, che la linea in questo settore è affidata al ministro e non a un a un sottosegretario, ed è comunque di competenza del governo nella sua interezza.

Inoltre non è scontato che sia affidata a Molteni nemmeno la delega alla pubblica sicurezza, considerata la presenza di altri due viceministri (Ivan Scalfarotto di Iv e Carlo Sibilia del M5S), ma in area dem la preoccupazione è alle stelle. “Il problema non è la mia mancata riconferma, ma il fatto che non ci sia al Viminale un rappresentante del Pd”, ha fatto notare a Repubblica Matteo Mauri, il deputato del Pd autore delle modifiche ai decreti sicurezza di cui adesso Molteni ha preso il posto. “Il nuovo decreto immigrazione e la regolarizzazione dei migranti hanno necessità di una delicatissima fase di attuazione. Il ritorno in grande spolvero della Lega, in questo senso, non può che lasciarmi perplesso“, ha osservato.

Perplessità condivisa da altri esponenti di centro-sinistra, tra cui la responsabile dem per i diritti Monica Cirinnà e il parlamentare di Leu Erasmo Palazzotto, per cui l’uscita definitiva della sinistra in favore di un ritorno della Lega è “un errore politico”. Secondo il deputato uscito da Sinistra italiana per votare la fiducia a Draghi “non resta che sperare nell’equilibrio della ministra Lamorgese”.

Leggi anche: 1. Draghi nomina sottosegretario al Viminale l’uomo dei decreti sicurezza: il leghista Nicola Molteni 2. Salvini vuole mettere le mani anche sulla Polizia. E fa innervosire il Colle / 4. Zingaretti si dimette prima del Congresso? “È una scemenza”/ 4. L’impegno di Draghi per i più svantaggiati riguarda donne e giovani. Ma non i migranti
Ti potrebbe interessare
Politica / Si chiude il deposito dei simboli al Viminale. Ecco perché non finiranno tutti sulla scheda
Economia / Salario minimo, RdC, cashback, stop definitivo all’Irap: cosa prevede il programma del M5S
Politica / Marco Cappato annuncia: “Raccoglieremo le firme per la nostra lista solo in forma digitale”
Ti potrebbe interessare
Politica / Si chiude il deposito dei simboli al Viminale. Ecco perché non finiranno tutti sulla scheda
Economia / Salario minimo, RdC, cashback, stop definitivo all’Irap: cosa prevede il programma del M5S
Politica / Marco Cappato annuncia: “Raccoglieremo le firme per la nostra lista solo in forma digitale”
Politica / Elezioni, la lista Italia Sovrana e Popolare a TPI: “Il nostro nemico è Draghi. Non ci sentiamo nani vicino a Biancaneve”
Politica / Giorgia Meloni non rinuncia alla fiamma tricolore: “Ne andiamo fieri, non ha a che fare con il fascismo”
Politica / Gina Lollobrigida candidata al Senato a 95 anni per la lista Italia Sovrana e Popolare
Politica / Matrimonio egualitario, ius scholae, fine vita: cosa prevede il programma del Pd
Opinioni / Letta ha chiuso ai 5S perché temeva la figura di Conte (di M. Tarantino)
Opinioni / Quel Movimento, per come lo abbiamo conosciuto, non esiste più (di M. Contigiani)
Economia / Al via i nuovi congedi parentali, da oggi le novità: dieci giorni obbligatori per i papà