Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

“Anche lui vuole ballare al Papeete”: l’imbarazzante manifesto del Pd Lazio sul bimbo migrante

Immagine di copertina

Il post pubblicato dal Pd Lazio su Twitter, e poi rimosso, è stato la dimostrazione di un flop nella comunicazione

L’imbarazzante manifesto del Pd Lazio sul bimbo migrante

“Anche lui vuole ballare al Papeete. Bisogna cambiare i decreti sicurezza. Interverremo anche sulle multe alle navi Ong che salvano vite”.

Qualcosa non funziona nel sistema di comunicazione del Pd Lazio. E non è solo per l’associazione tra i decreti sicurezza e la possibilità di trascorrere del tempo al Papeete, quanto per l’azzardo che vuole questo slogan legato all’immagine di un minore, nero, e in evidente condizione di sofferenza in un campo profughi.

Se la Bestia gioca sporco, non si può certo immaginare di avere qualche chance in più abbassandosi al suo livello. Specie quando in gioco ci sono dei minori.

Di seguito il video del segretario dem Nicola Zingaretti che commenta la sconfitta di Salvini in Emilia

 

Il 12 febbraio, sull’account Twitter dei dem regionali è comparsa l’immagine di un bambino migrante dietro a una recinzione. Il suo sguardo è sempre quello molto forte di chi vede la disperazione e la vive sulla propria pelle.

La didascalia della foto è quella che abbiamo riportato.

Un fallimento nella comunicazione che non è passato inosservato. A meno di 24 ore di distanza, il post è stato rimosso.

L’accostamento tra i decreti sicurezza, la spiaggia del Papeete e le vacanze di Salvini è del tutto inefficace.

Basterebbe ricordare che proprio dalla spiaggia di Milano Marittima il leader della Lega aveva iniziato a picconare il governo di cui faceva parte insieme al Movimento 5 Stelle.

I decreti sicurezza sono stati al centro del discorso che il leader leghista ha tenuto ieri al Senato, prima del voto sull’autorizzazione a procedere nei suoi riguardi.

 

“Con orgoglio ho fatto approvare da questo Parlamento i decreti sicurezza che adesso qualcuno vuole far cancellare senza averli letti. Voglio vedervi in faccia quando accadrà, mentre togliete soldi ai sindaci dei territori. Rivendico con orgoglio l’aver mantenuto una promessa elettorale, chiunque in Italia sapeva e sa che avremmo fatto di tutto per bloccare gli sbarchi dei clandestini, dei trafficanti. Lo abbiamo fatto insieme ai Cinque Stelle per oltre un anno”.

Salvini ha annunciato che darà battaglia se i decreti sicurezza verranno cancellati o modificati, eppure la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese da diversi mesi ormai si dice pronta per questo passo.

 

Leggi anche:

Caso Gregoretti, il Senato vota “sì”al processo per Salvini. Il leader leghista: “Totale fiducia nella magistratura”

Cosa succede adesso che il Senato ha dato l’autorizzazione per processare Salvini

La ricostruzione completa del caso Gregoretti

Caso Gregoretti-Salvini, il Senato approva l’autorizzazione a procedere

L’hashtag #iostoconsalvini non ha salvato Salvini dal processo sulla Gregoretti (di F. Salamida)

Caso Gregoretti, Casini vota contro il processo a Salvini: “La ruota gira, domani potrebbe capitare a Zingaretti” | VIDEO

Gregoretti, Salvini chiede rispetto per i figli: “Su questo perdo la pazienza” | VIDEO

Caso Gregoretti, Giulia Bongiorno: “Salvini non spinga per il sì al processo”

Giancarlo Giorgetti a TPI: “Sul caso Gregoretti è in corso un processo politico”

Ti potrebbe interessare
Politica / Il discorso del 1969 che consacrò la leadership di Enrico Berlinguer
Politica / Dalla strada sbarrata per il Quirinale all’irrilevanza sulla crisi Ucraina: Draghi ha perso il whatever it takes
Politica / Copisteria Montecitorio: salasso a sei zeri in atti parlamentari
Ti potrebbe interessare
Politica / Il discorso del 1969 che consacrò la leadership di Enrico Berlinguer
Politica / Dalla strada sbarrata per il Quirinale all’irrilevanza sulla crisi Ucraina: Draghi ha perso il whatever it takes
Politica / Copisteria Montecitorio: salasso a sei zeri in atti parlamentari
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Politica / Berlusconi: “L’Europa convinca Kiev ad accettare le richieste di Putin”
Politica / Pnrr, l’agenda degli incontri di Cingolani con i lobbisti scompare dal sito: “Serve più trasparenza”
Politica / “I partiti non fanno più politica”: la storica intervista di Berlinguer a Scalfari sulla Questione Morale
Politica / “Vestito inappropriato”: cronista allontanata da Montecitorio. Poi le scuse: “È stato un errore”
Politica / Segreti di Stato: il buco nero della direttiva Draghi sui dossier Nato