Covid ultime 24h
casi +9.938
deceduti +73
tamponi +98.862
terapie intensive +47

L’hashtag #iostoconsalvini non ha salvato Salvini dal processo sulla Gregoretti

Di Fabio Salamida
Pubblicato il 12 Feb. 2020 alle 17:00 Aggiornato il 12 Feb. 2020 alle 17:38
2k
Immagine di copertina
Credit: Ansa

La storia più recente insegna che quando un politico – o presunto tale – è costretto a giocarsi la carta dell’hashtag di tendenza, vuol dire che è arrivato all’ultima spiaggia: è la mossa disperata per tentare di cambiare il corso degli eventi.

Lo fece Matteo Renzi tramite il comitato “basta un sì” nelle ultime ore di campagna elettorale per il referendum costituzionale del 2016, investendo per di più anche un bel po’ di denaro per “spingere” #BastaUnSì e #RiformaCostituzionale nel giorno del silenzio elettorale.

Sono operazioni talvolta spregiudicate e non sempre utili, specie quando non si profila bene il pubblico a cui si “impone” la campagna a pagamento. Casalinghe thailandesi, giardinieri di New Orleans, salumieri ucraini e parrucchiere eschimesi si ritrovarono così sulla timeline i cinguettii dell’allora presidente del Consiglio e dei suoi fedelissimi. Molti italiani – infastiditi dalla violazione legale, ma moralmente discutibile – iniziarono a invece twittare #silenzioelettorale: come andò a finire è cosa risaputa.

Caso Gregoretti, l’intervento di Salvini in Senato

Altro Matteo, altro hashtag di tendenza: nella giornata in cui l’aula del Senato ha dato il via libera all’autorizzazione a procedere per l’ex ministro dell’Interno, Matteo Salvini, indagato dalla Procura di Agrigento per sequestro di persona aggravato per aver impedito lo sbarco di 131 persone salvate Mediterraneo dalla nave della Marina militare Gregoretti, la “bestia” ha portato #iostoconsalvini in cima alle tendenze nazionali e ha confezionato il messaggio di ringraziamento del leader: “Addirittura primo nelle tendenze italiane (immancabile bandierina) – ha twittato il “capitano” – sento forte il vostro affetto.

Aspettiamoci, nelle prossime ore, l’ennesima via crucis social: ogni stazione sarà, come sempre, accompagnata da vecchi e nuovi hashtag di tendenza su fantasiose invasioni, minacce alla sicurezza nazionale, difesa dei confini, fritti misti e mozzarelle di bufala.

Giochi virtuali che  – inutile a dirsi – non avranno alcun peso nel processo al capo del Carroccio, che sarà giudicato sulla base di documenti assai più lunghi di 280 caratteri. Il “capitano” dovrà difendersi per non doversi separare dal suo smartphone, relegato in una stanzetta con un cancelletto d’acciaio.

Leggi anche:

Gregoretti, il discorso di Salvini in Senato: “Voglio essere processato per spiegare ai miei figli che non sono un criminale”

Caso Gregoretti, il Senato vota “sì”al processo per Salvini. Il leader leghista: “Totale fiducia nella magistratura”

Cosa succede adesso che il Senato ha dato l’autorizzazione per processare Salvini

La ricostruzione completa del caso Gregoretti

Caso Gregoretti-Salvini, il Senato approva l’autorizzazione a procedere

Caso Gregoretti, Casini vota contro il processo a Salvini: “La ruota gira, domani potrebbe capitare a Zingaretti” | VIDEO

Gregoretti, Salvini chiede rispetto per i figli: “Su questo perdo la pazienza” | VIDEO

Caso Gregoretti, Giulia Bongiorno: “Salvini non spinga per il sì al processo”

Giancarlo Giorgetti a TPI: “Sul caso Gregoretti è in corso un processo politico”

Salvini in caduta libera sui social: i numeri che certificano il “crollo” della Bestia

Gregoretti, il discorso di Salvini in Senato: “Voglio essere processato per spiegare ai miei figli che non sono un criminale” | VIDEO

2k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.