Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:06
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Retroscena TPI – Grillo ai suoi: “Conte? Acqua passata”. E non teme la scissione

Immagine di copertina
Beppe Grillo. Credit: Creative Commons

“Conte? Acqua passata”. Così parlò Beppe Grillo all’indomani della defenestrazione dell’ex presidente del Consiglio. Tanto che, secondo quanto riferiscono a TPI fonti di primissimo piano vicine a Beppe Grillo, stamattina il fondatore è “gasato e pronto a rilanciare il Movimento senza alcun rimpianto per quanto accaduto nelle ultime 48 ore”. Insomma, “cosa fatta capo ha”.

Anche perché – continuano le medesime fonti – oltre alla richiesta di uno scudo legale già anticipata dal nostro giornale la scorsa settimana e messa nero su bianco ieri da Grillo in persona, sono due i capisaldi sui quali si basano i ragionamenti del garante e che hanno decretato la rottura con l’ex presidente del consiglio (“definitiva” per Beppe Grillo, non ancora tale invece per i consiglieri di Conte, che sognano ancora un accordo in extremis).

Il primo è che il garante non crede minimamente che l’ex premier sia in grado di mettere in piedi un partito personale (“Ne abbiamo visti tanti di personaggi più o meno popolari quotati anche al 20% che poi, messi alla prova, non hanno combinato niente”).

Il secondo è che l’Elevato non crede nemmeno alla possibilità di una scissione interna ai Cinque Stelle: a tutti conviene restare nel Movimento (“Ma se qualcuno andasse via, meglio così”), anche perché adesso ci sarà da eleggere il nuovo direttorio con i relativi posti da spartire.

Questa è l’esca che Grillo getta in pasto ai portavoce grillini, la mossa a sorpresa per ricompattare il M5S. Non per niente, personaggi di primo piano, tra i quali anche un ministro, che fino a ieri si lasciavano volentieri definire “contiani” adesso stanno discretamente ma inesorabilmente cominciando a prendere le distanze da “Giuseppi”.

Battaglia persa, invece, per Fico e Di Maio, che ora rischiano di restare con il cerino in mano: il ministro degli Esteri (che pure non ha mai nascosto ambizioni personali in merito alla guida del Movimento) e il presidente della Camera sono stati quelli che più di tutti negli ultimi giorni si erano spesi con Grillo a suon di telefonate per convincerlo ad accettare la leadership contiana.

Intanto, a Palazzo Chigi sono assolutamente convinti che il Governo non corra rischi da quanto sta accadendo nei Cinque Stelle. Sono due le riflessioni che si fanno: “Fino all’autunno del 2022 nessun parlamentare grillino sarà interessato a creare problemi, visto che solo l’anno prossimo scatterà la pensione, tanto più che molti parlamentari rischiano di non essere nemmeno rieletti” e poi “Grillo ha un rapporto di grande lealtà con il capo del governo”.

A Palazzo Chigi ancora ne ricordano le parole pronunciate in occasione di un’ormai famosa assemblea parlamentare pentastellata: “Mario Draghi non è un banchiere senza sentimenti, è uno che vede la povertà e sa di cosa parla, vede il futuro. Ha mantenuto la parola su transizione ecologica e reddito di cittadinanza”.

Quanto a Conte, non se ne teme più di tanto la reazione. E c’è chi fa notare, non senza malizia, che mentre l’ex premier parlava in conferenza stampa l’altro giorno, il Governo Draghi decretava la fine del cashback, ovvero dell’ultima iniziativa politicamente rilevante dell’ormai ex futuro leader del M5S.

Ti potrebbe interessare
Politica / “Vestito inappropriato”: cronista allontanata da Montecitorio. Poi le scuse: “È stato un errore”
Politica / Segreti di Stato: il buco nero della direttiva Draghi sui dossier Nato
Politica / D’Alema a TPI: “Nel pensiero di Berlinguer la sinistra può trovare le risposte ai problemi di oggi”
Ti potrebbe interessare
Politica / “Vestito inappropriato”: cronista allontanata da Montecitorio. Poi le scuse: “È stato un errore”
Politica / Segreti di Stato: il buco nero della direttiva Draghi sui dossier Nato
Politica / D’Alema a TPI: “Nel pensiero di Berlinguer la sinistra può trovare le risposte ai problemi di oggi”
Politica / Facciamo eleggere: la campagna per le amministrative del Forum Disuguaglianze e Diversità. “Sosteniamo chi si batte per giustizia sociale e ambientale”
Politica / Draghi convoca il Cdm d’urgenza e lancia l’ultimatum ai partiti: o votate le riforme o niente Pnrr
Politica / Commissione Esteri, Meloni a Conte: “Se sei serio ritira di Maio”. “Sei all’opposizione o voti con Renzi?”
Politica / Ddl Zan, i dem rilanciano la legge: “Disposti a modifiche, ma sull’identità di genere non si tratta”
Politica / Conte: “M5S sconfitto in Senato, registriamo che c’è una nuova maggioranza da FdI a Iv”
Politica / Stefania Craxi eletta presidente della Commissione Esteri del Senato al posto di Petrocelli
Politica / Matteo Renzi: “I magistrati hanno interrotto il cammino di crescita di Italia Viva”