Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Lo scudo legale è l’apostrofo rosa tra le parole Conte e Grillo

Immagine di copertina

Il barometro dei 5 Stelle sembra segnare il sereno proprio nelle stesse ore in cui il cielo della capitale minaccia pioggia. Beppe Grillo, il fondatore, è atteso a Roma ma nelle scorse ore pare ci sia stata una telefonata chiarificatrice con Giuseppe Conte, stando almeno quanto riferiscono fonti molto vicine all’ex premier che evidentemente di andare allo scontro totale con l’Elevato non ne vogliono sapere perché “non sarebbe certo facile rimettersi in pista adesso con una lista personale dopo un’eventuale rottura con Grillo e mesi inutilmente spesi a tentare di far nascere il nuovo Movimento”. Ecco, in realtà, perché l’accordo potrebbe essere più vicino: una rottura in questo momento non converrebbe a nessuno dei due. Sarebbe deleteria per il futuro di entrambi. Così, i più ottimisti tra i big pentastellati si spingono persino a dire che l’accordo definitivo potrebbe arrivare già nelle prossime ore.

Insomma, tutto a posto? Non è ancora detto perché oltre alla questione del simbolo e quella legata alla compilazione delle liste come già anticipato da TPI, ne rimane un’altra tutt’altro che irrilevante: quella dello scudo legale. Perché come spiegano fonti molto vicine al dossier, ci sarebbe la richiesta da parte di Grillo di uno scudo legale totale in vista del voto che, stavolta, non si terrà più su Rousseau. Il voto, infatti, dovrebbe essere certificato da Rousseau che non è ovviamente più nelle condizioni di farlo. E questo potrebbe scatenare numerosi ricorsi. In molti infatti sostengono che in base all’attuale statuto la votazione sul Neo-Movimento debba essere celebrata su Rousseau e non sulla nuova piattaforma. Ma c’è da giurare che un amministrativista di vasta esperienza come Giuseppe Conte non dovrebbe aver problemi ad accontentare l’Elevato fondatore.

Ti potrebbe interessare
Politica / Dalla strada sbarrata per il Quirinale all’irrilevanza sulla crisi Ucraina: Draghi ha perso il whatever it takes
Politica / Copisteria Montecitorio: salasso a sei zeri in atti parlamentari
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi
Ti potrebbe interessare
Politica / Dalla strada sbarrata per il Quirinale all’irrilevanza sulla crisi Ucraina: Draghi ha perso il whatever it takes
Politica / Copisteria Montecitorio: salasso a sei zeri in atti parlamentari
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Politica / Berlusconi: “L’Europa convinca Kiev ad accettare le richieste di Putin”
Politica / Pnrr, l’agenda degli incontri di Cingolani con i lobbisti scompare dal sito: “Serve più trasparenza”
Politica / “I partiti non fanno più politica”: la storica intervista di Berlinguer a Scalfari sulla Questione Morale
Politica / “Vestito inappropriato”: cronista allontanata da Montecitorio. Poi le scuse: “È stato un errore”
Politica / Segreti di Stato: il buco nero della direttiva Draghi sui dossier Nato
Politica / D’Alema a TPI: “Nel pensiero di Berlinguer la sinistra può trovare le risposte ai problemi di oggi”