Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:39
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Governo in bilico sul Milleproroghe, ira di Draghi: “Si cambi o non si va avanti”

Immagine di copertina

Governo in bilico sul Milleproroghe, ira di Draghi: “Si cambi o non si va avanti”

Draghi sceglie la linea dura con i partiti dopo un’altra battuta d’arresto per il governo, battuto quattro volte in commissione sul decreto Milleproroghe. “Vanno garantiti i voti in Parlamento oppure non si va avanti”,  avrebbe detto il presidente del Consiglio ai capidelegazione della maggioranza, durante un vertice convocato a palazzo Chigi dopo un colloquio al Quirinale con Sergio Mattarella.  “Il presidente Mattarella ha voluto questo governo per fare le cose che servono all’Italia”, ha sottolineato Draghi secondo quanto riportano i retroscena, ponendo i partiti di fronte a una scelta netta: dentro o fuori. “Non siamo qui per essere realisti, siamo qui per essere idealisti”, la risposta a chi ha provato a giustificare le scelte dei gruppi parlamentari.

Mercoledì sera, il governo era andato nuovamente sotto durante le sedute dedicate al decreto Millleproroghe nelle commissioni Bilancio e Affari costituzionali della Camera. In quell’occasione, Lega e Forza Italia hanno votato con Fratelli d’Italia contro la riduzione del limite al contante, prorogando l’entrata in vigore della soglia di mille euro al 2023. Contro il parere dell’esecutivo, è anche stato approvato un emendamento sulla destinazione dei fondi dell’ex stabilimento dell’Ilva di Taranto con i voti, in questo caso, di Partito democratico e Movimento 5 Stelle.

Draghi avrebbe chiesto compattezza ai partiti sia all’interno del consiglio dei ministri sia in parlamento, durante l’iter dei provvedimenti varati dal governo. “O siamo il governo del fare o è inutile star qui a scaldare la sedia. Con Mattarella non lo abbiamo costruito per tirare a campare. Quanto a me, posso sempre fare altro”, avrebbe detto ieri Draghi durante la riunione, tenuta dopo l’incontro con il presidente della Repubblica. Oggi ci sarà una prima verifica, con il consiglio dei ministri dedicato alle misure emergenziali per fronteggiare il caro bollette. Sul tavolo al momento una cifra intorno ai quattro miliardi ma si punta ad arrivare fino a sette, anche se è esclusa la possibilità che ci sia uno scostamento di bilancio.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Pistoia, trova la fidanzata in casa con un altro e la accoltella
Cronaca / Roma, anziana rapinata al bancomat: un operaio segue il ladro e lo fa arrestare
Cronaca / Covid, oggi 27.162 casi e 62 morti: tasso di positività al 13,95%
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Pistoia, trova la fidanzata in casa con un altro e la accoltella
Cronaca / Roma, anziana rapinata al bancomat: un operaio segue il ladro e lo fa arrestare
Cronaca / Covid, oggi 27.162 casi e 62 morti: tasso di positività al 13,95%
Cronaca / Milano, barista 18enne pedinata e molestata: il padre raggiunge l’aggressore e lo picchia per strada
Cronaca / Lo sfogo di un’impiegata di Elisabetta Franchi: “Vi racconto come tratta le donne”
Cronaca / Guida contromano sulla Firenze-Pisa-Livorno, scontro nella notte: un morto e 4 feriti
Cronaca / Covid, oggi 36.042 casi e 91 morti: tasso di positività al 13.7%
Cronaca / Molestie al raduno di Rimini, il sindaco di Trieste difende gli alpini: “La violenza è un’altra cosa, siamo maschi”
Cronaca / ”Salvatemi vi prego”: turista violentata a Roma, i carabinieri sentono le urla e arrestano l’aggressore
Cronaca / Altro che malattia rara, 4 milioni di donne in Italia soffrono di vulvodinia