Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Arrabbiato per il Quirinale e pressato dalle richieste dei partiti: Draghi non esclude un suo addio al governo

Immagine di copertina

Per sbollire la rabbia della mancata elezione al Quirinale Mario Draghi si è messo a girare l’Italia. “In realtà”, spiega chi lo conosce bene “il premier ha finalmente capito quali sono i suoi punti deboli: il rapporto con i cittadini e quello con la politica”.

Per questo, dopo la fallita elezione al Colle è partito con la sua personalissima “operazione simpatia”: ieri è stato a Genova ma nelle prossime settimane girerà le principali città italiane dal sud al nord Italia. Un modo per far vedere le cose che sta facendo il governo ma anche per entrare in “empatia” con la gente, vero punto debole del suo primo anno palazzo Chigi.

Il premier è sempre stato tacciato di una certa “freddezza”. Sarà molto più difficile invece legare con i leader di partito: Palazzo Chigi ha promesso all’Europa che comincerà da subito con il rientro del debito, almeno 4 punti percentuali all’anno.

Musica che non suona certo bene per le orecchie dei leader di partito che quest’anno saranno in piena campagna elettorale in vista delle elezioni politiche del 2023. Come far combaciare il rientro del debito promesso dall’ex numero uno Bce all’Europa con le esigenze elettorali dei partiti?

Draghi ha già rassicurato Bruxelles che non farà ulteriore deficit mentre i partiti continuano a chiedere scostamenti di bilancio. Non sarà facile trovare la quadra. Per questo, anche tra i fedelissimi del premier, si continua a sostenere che la navigazione del governo in questi ultimi 12 mesi che portano alle elezioni non sarà né facile né tranquilla tanto da arrivare a sperare che “i partiti non vogliano perderlo anche come capo del governo, dopo averlo perso per il Quirinale”.

Il sospetto che serpeggia a palazzo Chigi è che i partiti pensino che sia possibile andare avanti sulla strada del PNRR e del rispetto degli impegni con l’Europa anche senza Mario Draghi al timone del Paese.

Insomma, andare avanti con una campagna elettorale permanente e la contemporanea necessità di non fare altro deficit non sarà assolutamente facile. Per questa ragione in transatlantico si sta diffondendo la preoccupazione che Draghi esasperato dalle richieste dei partiti e dalle fibrillazione della maggioranza di governo (non ultime quelle in casa 5 Stelle) possa alla fine mandare un sonoro “addio” a tutti quanti.

Compresi coloro i quali lo hanno prima illuso e poi disilluso di poter salire al Quirinale (e non si tratta solamente di qualche leader di partito). L’irritazione è arrivata molto più in alto. Perché la rabbia non è stata ancora sbollita.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Morire di giornalismo: la gerarchia dei carnefici impedisce la condanna di Israele per l’omicidio Abu Akleh
Opinioni / Le contraddizioni di chi vuole la pace facendo la guerra
Opinioni / Il Medio Oriente sarà la prossima arena di scontro fra Cina e Usa, ecco perché
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Morire di giornalismo: la gerarchia dei carnefici impedisce la condanna di Israele per l’omicidio Abu Akleh
Opinioni / Le contraddizioni di chi vuole la pace facendo la guerra
Opinioni / Il Medio Oriente sarà la prossima arena di scontro fra Cina e Usa, ecco perché
Opinioni / È l’algoritmo, bellezza! (di G. Gambino)
Opinioni / Altro che rieducare: il carcere porta i condannati a tornare a delinquere. Ecco perché questo modello ha fallito (di L.Manconi)
Opinioni / Salvate il soldato Berlinguer. Cari Kompagni giù le mani da CartaBianca (di G. Cuperlo)
Opinioni / Il Papa nomina la Nato? “Ma è perché non parla bene italiano”. La censura non basta più, va delegittimato (di A. Di Battista)
Opinioni / La guerra in Ucraina punta a stabilire un nuovo ordine mondiale sacrificando l'Europa sull'altare (di M. Tarantino)
Opinioni / Da oggi siamo ancora più vicini a voi lettori (di G. Gambino)
Opinioni / Pace e diritto al lavoro: così la guerra in Ucraina ha cambiato il significato del primo maggio (di P. Maddalena)