Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:06
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Sulla giustizia Conte e i 5 Stelle si piegano a Draghi e dagli Usa applaudono Super Mario

Immagine di copertina

Tanto rumore per nulla. Come anticipato nei giorni scorsi da TPI, sulla riforma Cartabia il trumpiano “GiuseppiConte avrebbe tirato la corda fino a quando avrebbe potuto (in attesa di un “contentino”) per poi piegare la testa di fronte al bideniano Mario Draghi. E così è stato. Alla fine è arrivata la retromarcia del Movimento 5 Stelle. Il “ringraziamento” più importante al Presidente del Consiglio arriva a notte fonda da oltreoceano via New York Times.

“Il ‘riparatore’ dell’Italia cerca di riparare il travagliato sistema giudiziario e anche la sua politica”. Con questo titolo, in un lungo articolo il New York Times si è soffermato sulla battaglia del premier Mario Draghi per la riforma della giustizia. L’articolo del foglio newyorchese, non a caso, è firmato da Lodi, il cui ex sindaco, Simone Uggetti, è stato assolto quest’anno con formula piena dopo cinque anni di inchiesta.

“Questi casi sono molto comuni in Italia, dove il vasto potere della magistratura – a volte ideologica – può essere usato per ottenere delle vendette in politica o dove il business può essere intrappolato in scomodi e scoraggianti contenziosi tra i più lunghi in Europa“, scrive il New York Times. “Draghi – si legge ancora – è così convinto che il sistema vada riparato da aver annunciato di essere pronto a mettere a rischio la sopravvivenza del proprio governo sul dossier, ponendo la fiducia sul nuovo testo”.

Per il quotidiano americano, la giustizia “è il principale test, al di là di quello dei vaccini, su cui Draghi, un ‘titano’ nell’Ue essendo colui che ha salvato l’euro, può utilizzare la sua formidabile reputazione di ‘riparatore’ e l’ampia coalizione politica a suo sostegno per risolvere un problema deterioratosi nel tempo che ha minacciato il processo democratico e l’economia in Italia”.

Già, perché proprio come evidenziato nei giorni scorsi da TPI, non solo a Bruxelles ma anche Oltreoceano guardavano con molta attenzione alla riforma della giustizia in Italia per poter cominciare a investire quattrini nel Belpaese. “L’alta finanza internazionale sta premendo per riformare la magistratura in Italia”, spiegavano ambienti del deep state solitamente sempre molto bene informati.

In buona sostanza, con la riforma della giustizia, Mario Draghi punta a prendere due piccioni con una fava: euro e dollari in un colpo solo, i soldi di Bruxelles ma anche quelli che presto arriveranno dalle grandi banche di investimento americane. Un modo, questo, anche per consolidare il legame con gli Stati Uniti dell’amico Joe Biden scacciando dall’Italia le pretese egemoniche di Cina e Russia.

“L’Italia non deve fallire perché è troppo grande il suo debito e con 200 miliardi dall’Europa e altrettanto di capitale privato USA si salva”, i ragionamenti che si fanno sull’asse Roma-Washington-Bruxelles. Per i principali fondi di investimento mondiali. a cominciare dalla bideniana Black Rock, l’Italia è sottovalutata e con ampi margini di crescita. Terreno ideale per gli investitori. A patto che lo Stato funzioni. A cominciare dalla giustizia.

Ti potrebbe interessare
Politica / Meloni all’Ue sui migranti: “L’Italia da sola non può gestire il flusso. Si devono ‘europeizzare’ i rimpatri”
Politica / Bossi al primo raduno di Comitato Nord: “La Lega non può esistere senza identità forte, vogliamo rinnovarla”
Politica / Meloni: “Meraki è la nostra parola d’ordine”. Ecco cosa significa | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Politica / Meloni all’Ue sui migranti: “L’Italia da sola non può gestire il flusso. Si devono ‘europeizzare’ i rimpatri”
Politica / Bossi al primo raduno di Comitato Nord: “La Lega non può esistere senza identità forte, vogliamo rinnovarla”
Politica / Meloni: “Meraki è la nostra parola d’ordine”. Ecco cosa significa | VIDEO
Politica / Salvini: "Chi paga il caffè con la carta è solo un rompipalle"
Politica / Inchiesta Open, Renzi chiede a Nordio un’indagine sui pm di Firenze. Il ministro: “Rigoroso accertamento”
Politica / Armi all’Ucraina, il governo si prepara a prorogare le forniture fino a fine 2023: confermata la linea Draghi
Cronaca / Caso Soumahoro, finita l’ispezione alla cooperativa Karibu. Il ministro Urso: ”Sarà messa in liquidazione”
Politica / Decreto anti rave, il governo riscrive la norma: escluse le manifestazioni
Politica / Armi all’Ucraina, il governo ritira l’emendamento ma incassa l’ok del Pd per il decreto
Politica / Pd, Elly Schlein verso la candidatura alla segreteria: “Costruiamo una nuova strada”