Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:55
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Giustizia: tensione col M5S in Consiglio dei ministri, poi c’è l’accordo: 6 anni in appello per i reati con l’aggravante mafiosa

Immagine di copertina
Credit: ansa foto

Dopo una giornata ad alta tensione, è stata raggiunta in Consiglio dei ministri una nuova intesa sulla riforma della Giustizia. La mediazione prevede che per i processi di appello che comprendono reati con l’aggravante mafiosa ci saranno 6 anni di tempo, mentre per il 416 bis e ter (associazione a delinquere di stampo mafioso) non è previsto alcun limite di tempo. La nuova versione del testo è stata approvata dai ministri all’unanimità.

C’è quindi anche l’accordo da parte del Movimento 5 Stelle, che nelle ore precedenti aveva minacciato l’astensione. L’intesa è stata formalizzata alla ripresa del Consiglio dei ministri, poco dopo le 18 di oggi, giovedì 29 luglio 2021. La riunione, inizialmente convocata per le 11,30, è cominciata alle 14,30 senza i ministri pentastellati, che si sono uniti ai colleghi successivamente. Il Cdm è stato però sospeso quasi subito proprio per la linea intransigente del M5S.

Dopo un pomeriggio di mediazioni e colloqui frenetici, la riunione di governo è ripresa alle 18,00 e poco dopo è stato annunciato l’accordo unanime. La riforma della Giustizia varata dalla ministra Marta Cartabia e così modificata è dunque ora pronta a passare all’esame del Parlamento.

“Volevamo migliorare il testo, non stravolgerlo, e il risultato è stato raggiunto. Sono fiducioso sulla compattezza del M5S in Parlamento”, ha commentato fuori da Montecitorio il leader in pectore dei pentastellati, Giuseppe Conte.

Ti potrebbe interessare
Politica / Attacco dell’Iran a Israele, colloquio tra Giorgia Meloni ed Elly Schlein: l’Italia si unisce nel condannare Teheran
Politica / La maggioranza cambia la par condicio, i giornalisti Rai: “Servizio pubblico megafono del governo”
Politica / Palamara a TPI: “Conosco il Sistema, mi candido alle europee per combatterlo”
Ti potrebbe interessare
Politica / Attacco dell’Iran a Israele, colloquio tra Giorgia Meloni ed Elly Schlein: l’Italia si unisce nel condannare Teheran
Politica / La maggioranza cambia la par condicio, i giornalisti Rai: “Servizio pubblico megafono del governo”
Politica / Palamara a TPI: “Conosco il Sistema, mi candido alle europee per combatterlo”
Politica / La proposta di legge di Soumahoro sulla fine del Ramadan: "Sia giorno festivo"
Politica / Addio alla trasparenza: il regalo di Giorgia Meloni ai mercanti di armi
Politica / Mafia, massoneria e voto di scambio: arrestato a Palermo l’ex consigliere comunale Mimmo Russo (Fdi)
Politica / Il capitano Ultimo scopre il volto dopo 31 anni. Il video
Politica / Meloni: “L’Aquila un modello, risposta dello Stato da subito”
Politica / Stadio Roma, emessa la sentenza di primo grado: nove condanne e dieci assoluzioni
Politica / Sparo di capodanno, chiuse le indagini: “A esplodere il colpo è stato Pozzolo”