Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Giustizia: tensione col M5S in Consiglio dei ministri, poi c’è l’accordo: 6 anni in appello per i reati con l’aggravante mafiosa

Immagine di copertina
Credit: ansa foto

Dopo una giornata ad alta tensione, è stata raggiunta in Consiglio dei ministri una nuova intesa sulla riforma della Giustizia. La mediazione prevede che per i processi di appello che comprendono reati con l’aggravante mafiosa ci saranno 6 anni di tempo, mentre per il 416 bis e ter (associazione a delinquere di stampo mafioso) non è previsto alcun limite di tempo. La nuova versione del testo è stata approvata dai ministri all’unanimità.

C’è quindi anche l’accordo da parte del Movimento 5 Stelle, che nelle ore precedenti aveva minacciato l’astensione. L’intesa è stata formalizzata alla ripresa del Consiglio dei ministri, poco dopo le 18 di oggi, giovedì 29 luglio 2021. La riunione, inizialmente convocata per le 11,30, è cominciata alle 14,30 senza i ministri pentastellati, che si sono uniti ai colleghi successivamente. Il Cdm è stato però sospeso quasi subito proprio per la linea intransigente del M5S.

Dopo un pomeriggio di mediazioni e colloqui frenetici, la riunione di governo è ripresa alle 18,00 e poco dopo è stato annunciato l’accordo unanime. La riforma della Giustizia varata dalla ministra Marta Cartabia e così modificata è dunque ora pronta a passare all’esame del Parlamento.

“Volevamo migliorare il testo, non stravolgerlo, e il risultato è stato raggiunto. Sono fiducioso sulla compattezza del M5S in Parlamento”, ha commentato fuori da Montecitorio il leader in pectore dei pentastellati, Giuseppe Conte.

Ti potrebbe interessare
Politica / Salvini contro lo stop Ue alle auto a benzina e diesel dal 2035: “Da rivedere, non ha senso”
Economia / Legge di bilancio: Banca d’Italia boccia proposte su contante, tregua fiscale e flat tax
Politica / Elly Schlein scioglie la riserva e si candida alla segreteria del Pd: “Diseguaglianze, clima e precarietà siano le priorità”
Ti potrebbe interessare
Politica / Salvini contro lo stop Ue alle auto a benzina e diesel dal 2035: “Da rivedere, non ha senso”
Economia / Legge di bilancio: Banca d’Italia boccia proposte su contante, tregua fiscale e flat tax
Politica / Elly Schlein scioglie la riserva e si candida alla segreteria del Pd: “Diseguaglianze, clima e precarietà siano le priorità”
Politica / Obbligo di Pos sopra i 60 euro, Meloni: “Per i piccoli importi incide tantissimo sui commercianti”
Politica / Meloni all’Ue sui migranti: “L’Italia da sola non può gestire il flusso. Si devono ‘europeizzare’ i rimpatri”
Politica / Bossi al primo raduno di Comitato Nord: “La Lega non può esistere senza identità forte, vogliamo rinnovarla”
Politica / Meloni: “Meraki è la nostra parola d’ordine”. Ecco cosa significa | VIDEO
Politica / Salvini: "Chi paga il caffè con la carta è solo un rompipalle"
Politica / Inchiesta Open, Renzi chiede a Nordio un’indagine sui pm di Firenze. Il ministro: “Rigoroso accertamento”
Politica / Armi all’Ucraina, il governo si prepara a prorogare le forniture fino a fine 2023: confermata la linea Draghi