Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Elezioni Regionali Umbria: scoppia la faida interna nel Movimento 5 Stelle

Immagine di copertina

Il capo politico Luigi Di Maio mette in discussione l'intesa con il Pd, mentre Grillo e Fico difendono l'accordo con i Dem: e intanto Alessandro Di Battista è sul piede di guerra

Elezioni Regionali Umbria: scoppia la faida interna nel Movimento 5 Stelle

Scoppia nuovamente la faida interna nel M5S dopo la debacle del partito guidato dal capo politico Luigi Di Maio alle elezioni regionali che si sono tenute in Umbria domenica 27 ottobre.

Subito dopo il risultato umbro, che ha visto la coalizione Pd-M5S perdere con 20 punti di scarto con il Movimento 5 Stelle che ha raccolto solo il 7 per cento, il partito fondato da Beppe Grillo ha parlato, tramite un post pubblicato sul blog ufficiale, di “esperimento con il Pd fallito”.

Elezioni regionali Umbria 2019, ecco chi ha vinto: i risultati definitivi. Vittoria del centrodestra, debacle di Pd e M5S

Parole confermate dal capo politico Luigi Di Maio, che ha sottolineato come il M5S non tragga giovamento dalle alleanze con i partiti, sia che si tratti della Lega che del PD.

Elezioni Umbria 2019, Di Maio: “L’alleanza con il Pd non ha funzionato, strada impraticabile”

Tuttavia, secondo quanto svela La Repubblica, le parole di Di Maio non sono piaciute a molti esponenti del M5S, a partire dal premier Conte, il quale, ora, teme che il ministro degli Esteri voglia far saltare l’accordo con i dem.

Elezioni Umbria 2019, dove sono finiti i voti del M5S: ecco i numeri degli esperti

Il presidente del Consiglio avrebbe invitato Di Maio a pensarci bene prima di rompere con il partito guidato da Nicola Zingaretti. La risposta di Di Maio, secondo quanto scrive il quotidiano, sarebbe stata la seguente: “Io non posso passare per quello di sinistra. Perdo voti a favore della Meloni, lo capisci?”.

Obiettivo del capo politico del M5S, dunque, sarebbe quello di iniziare una sorta di opposizione interna all’esecutivo volta a recuperare voti a destra e a mettere a tacere l’ala sinistra del M5S. Ala sinistra guidata dal presidente della Camera Roberto Fico, che ha sempre lavorato per un accordo con il Pd.

E Grillo? “Non gli consentirò di far saltare l’alleanza con il Pd” avrebbe affermato in privato il comico, che ha in un certo senso imposto l’intesa con il Partito Democratico il mese scorso, quando si è arrivati alla formazione dell’esecutivo Conte bis.

Intanto, però, Alessandro Di Battista e Gianlugi Paragone, da sempre contrari all’accordo con i dem, sono sul piede di guerra, mentre il Movimento 5 Stelle è sempre più una polveriera in procinto di esplodere.

La notte in cui è morto il M5S (di Giulio Gambino)
Il problema del M5S non è il Pd. Si chiama Luigi Di Maio (di C. Matteini)
L’alleanza PD-M5S non ha mai avuto senso. Zingaretti, fermati finché sei in tempo (di L. Tosa)
PD e M5S hanno perso una battaglia, ma non la guerra: ecco perché l’alleanza deve continuare (di L. Telese)
Ti potrebbe interessare
Politica / Filarmonica internazionale Casellati: la mamma premia, il figlio dirige
Cronaca / Vaccino obbligatorio per tutti i lavoratori, l’ipotesi al vaglio del governo Draghi
Politica / Draghi sui migranti: “Arrivi 6 volte superiori al 2019, l’Italia non può fare da sola”
Ti potrebbe interessare
Politica / Filarmonica internazionale Casellati: la mamma premia, il figlio dirige
Cronaca / Vaccino obbligatorio per tutti i lavoratori, l’ipotesi al vaglio del governo Draghi
Politica / Draghi sui migranti: “Arrivi 6 volte superiori al 2019, l’Italia non può fare da sola”
Politica / La rete di potere dell’avvocato renziano Alberto Bianchi della Fondazione Open
Politica / Non solo Renzi: così Mr. Astrazeneca cercava sponde anche nel M5S
Politica / Esclusivo TPI – Tutti i (costosissimi) voli privati noleggiati dalla Fondazione Open per Renzi &Co.
Politica / Regeni, Palazzotto a TPI: “Responsabilità chiare, ora l’Italia alzi il livello del conflitto politico con l’Egitto”
Cronaca / Letta: “Se il successore di Mattarella non sarà eletto a larga maggioranza, il governo cadrà”
Politica / Io, portavoce di Di Maio e marito del viceministro Castelli. “Se mia moglie e Luigi litigano… scelgo Di Maio”
Politica / Europa, naufraga il progetto del partito sovranista di Salvini: una vittoria per Meloni