Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:52
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Elezioni Umbria 2019, dove sono finiti i voti del M5S: ecco i numeri degli esperti

Immagine di copertina
Il capo politico M5S e ministro dell'Interno Luigi Di Maio

Le analisi di Swg e Istituto Cattaneo

Elezioni Umbria 2019, dove sono finiti i voti M5S

Dove sono finiti i voti del M5S alle elezioni regionali in Umbria di ieri, 27 ottobre 2019? È una domanda scontata nell’analisi dei risultati, se si considera il tracollo dei pentastellati. Il movimento guidato da Luigi Di Maio ha raccolto un deludente 7,4 per cento dei consensi dal 14,6 per cento raccolto nella regione alle Elezioni Europee dello scorso 26 maggio, dal 27,5 per cento ottenuto alle Politiche del 2018 e al 14,6 delle Regionali del 2015.

A fornire indicazioni sui flussi elettorali sono stati oggi la società demoscopica Seg e l’Istituto Cattaneo di Bologna.

Il confronto di Swg con le Europee: non voto per il 33 per cento dei pentastellati

Nel dettaglio Swg con una rilevazione effettuata su un campione rappresentativo di 2mila elettori umbri ha spiegato che rispetto alle Europee dello scorso 26 maggio il 39,8 per cento degli elettori del Movimento 5 Stelle ha confermato il suo voto ma un pentastellato su tre, il 33,1 per cento, non ha votato, non si è recato ai seggi.

Secondo Swg poi il 6,9 per cento ha votato Fratelli d’Italia, il 6,6 per cento ha scelto la Lega, il 4,3 per cento ha sostenuto Pd e il 5,2 per cento altre liste di centrosinistra. Il 4,1 per cento avrebbe votato altri partiti.

elezioni umbria 2019 m5s
L’analisi di Swg del 28 ottobre 2019 sulle Elezioni Regionali in Umbria del 27 ottobre

Il confronto dell’istituto Cattaneo con le Politiche: a Perugia astensione per il 50 per cento dei 5 Stelle

Secondo l’Istituto Cattaneo, che ha già analizzato i flussi per quel che riguarda le città di Perugia e di Terni, nel capoluogo di regione ieri non è andato a votare la metà degli elettori che avevano scelto il M5S alle Politiche 2018. Avrebbe invece votato la Lega a Perugia circa un quinto dell’originario bacino del Movimento. Questo dato è pari al 3,6 per cento dell’intero corpo elettorale ed è una quota perfino superiore a chi ha confermato il proprio voto al Movimento. Dal’Istituto Cattaneo infine definiscono “solo marginale” il flusso di voti dal Movimento 5 Stelle al Partito Democratico.

Più nel dettaglio, gli esperti spiegano che il voto ha confermato “la tradizionale debolezza del M5s nel mobilitare il proprio elettorato nelle consultazioni locali”. Ma non è l’unica causa del tracollo. “È plausibile affermare che questa scarsa mobilitazione dell’elettorato ‘grillino’ sia dovuta a un fondamentale disorientamento per un’alleanza con un partito (il Pd) che, negli anni scorsi veniva indicato da tutti gli esponenti del M5S come il principale nemico (gli attacchi al ‘partito di Bibbiano’ risalgono a pochi mesi or sono e sul fuoco delle indagini che hanno colpito la giunta umbra i Cinque Stelle hanno soffiato parecchio)”.

“Per il resto – spiega ancora l’Istituto Cattaneo parlando del voto a Perugia -, è la Lega la principale beneficiaria dei voti in uscita dal M5s (il flusso verso il partito di Salvini è pari al 3,6 per cento del corpo elettorale (circa un quinto dell’originario bacino 5 Stelle). Dall’ampio bacino di consensi accumulato nel 2018, la quota che si dirige verso il partito di Salvini è persino superiore a quella di chi conferma il voto per le cinque stelle. Il Pd e gli altri simboli della coalizione di centrosinistra beneficiano in misura trascurabile di voti ex grillini”.

Per quanto riguarda invece la città di Terni, secondo l’Istituto Cattaneo le perdite del Movimento 5 Stelle verso l’astensione sono più contenute che a Perugia: “Si volatilizza nel non-voto quasi il 20 per cento del bacino elettorale 5S”.

“La scarsa entità dei flussi che beneficiano Pd e altre liste di centrodestra – viene spiegato – indica che i due elettorati faticano ad integrarsi. Si osserva inoltre la prevalenza, in continuità con le Elezioni Regionali dei mesi scorsi, dei percorsi di ‘traghettamento’: in precedenti analisi abbiamo utilizzato questo termine per sottolineare come il Movimento 5 stelle nel momento di crescita abbia preso consensi provenienti in misura maggiore dal centrosinistra e ora, nel momento del declino, li cede prevalentemente a destra”.

Leggi anche:

La notte in cui è morto il M5S (di Giulio Gambino)

Pd e M5S hanno perso una battaglia, ma non la guerra: ecco perché l’alleanza deve continuare (di Luca Telese)

Il problema del M5S non è il Pd. Si chiama Luigi Di Maio (di Charlotte Matteini)

L’alleanza Pd-M5S non ha mai avuto senso. Zingaretti, fermati finché sei in tempo (di Lorenzo Tosa)

Ti potrebbe interessare
Politica / Via libera del Cdm al Dl fisco, il governo si spacca sul reddito di cittadinanza
Politica / Il candidato romano di Meloni a Tor bella monaca che non rinnega "camicia nera e saluto romano"
Politica / Indiscreto: Merkel offre a Draghi lo scettro d’Europa
Ti potrebbe interessare
Politica / Via libera del Cdm al Dl fisco, il governo si spacca sul reddito di cittadinanza
Politica / Il candidato romano di Meloni a Tor bella monaca che non rinnega "camicia nera e saluto romano"
Politica / Indiscreto: Merkel offre a Draghi lo scettro d’Europa
Politica / L’ultimo volo di Alitalia, il sindaco di Fiumicino al gate: “Ita non ha visione e nessuno pensa ai lavoratori dell’indotto”
Politica / Chi flirta col Ventennio: ecco chi sono i nostalgici imbucati tra Lega e Fratelli d’Italia
Cronaca / Scontro Salvini-Letta sul Green Pass: “Semplificare vita ai non vaccinati”. Il leader Pd: “Non cedere su regole”
Politica / Draghi irritato con Lamorgese per la circolare sui tamponi gratis ai portuali di Trieste
Cronaca / Scontri a Roma, Lamorgese: “Nessun arresto per evitare rischi”. Meloni attacca: “È strategia della tensione”
Politica / Salvini incontra Draghi: “Sono preoccupato per il Paese, deve guidare la pacificazione nazionale”
Politica / CasaPound sta con Forza Nuova: “No allo scioglimento, non torniamo alla Santa Inquisizione”