Il memorabile discorso di Liliana Segre al parlamento Ue: deputati in lacrime | VIDEO

La senatrice a vita Liliana Segre intervenendo al Parlamento europeo a Bruxelles, parlando della liberazione del campo di sterminio di Auschwitz

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 29 Gen. 2020 alle 16:34 Aggiornato il 30 Gen. 2020 alle 07:46
380k

Il discorso di Liliana Segre al parlamento Ue: deputati in lacrime

“Che emozione. Io esisto e anche il Parlamento europeo. Non era questo il disegno di qualcuno”: lo ha detto la senatrice a vita Liliana Segre leggendo quanto aveva scritto poco prima sul libro degli ospiti d’onore del presidente dell’Eurocamera, David Sassoli.

Liliana Segre è giunta a Bruxelles accompagnata dalla figlia per partecipare alla mini-plenaria di mercoledì 29 gennaio. Davanti agli europarlamentari ha tenuto un discorso che ha commosso tutti.

“Anche oggi qualcuno non vuole guardare e anche adesso qualcuno dice che non è vero”, ha detto la senatrice a vita, nel suo discorso ha parlato della liberazione del campo di sterminio di Auschwitz.

Segre ha ricordato con le parole di Primo Levi “lo stupore per il male altrui”, che “nessuno che è stato prigioniero” nel campo “ha mai potuto dimenticare”.

“La parola razza ancora la sentiamo dire e per questo dobbiamo combattere questo razzismo strutturale, che c’è ancora. La gente mi domanda come mai si parli di antisemitismo, di razzismo, ma perché c’è sempre stato e perché sono insiti negli animi dei poveri di spirito”, ha aggiunto la senatrice a vita che ha poi detto:

“Dobbiamo combattere questo razzismo Strutturale, la gente mi domanda perché c’è ancora l’antisemitismo e il razzismo. Io rispondo che c’è sempre stato, ci sono corsi e ricorsi storici”.

C’è sempre “un momento politico” per poter tirare fuori “il razzismo e l’antisemitismo che sono insiti nell’animo dei poveri di spirito. Arrivano i momenti più adatti in cui ci si volta dall’altra parte, in cui è più facile far finta di niente, che si guarda solo il proprio cortile e si dice ‘e’ una cosa che non mi riguarda”. Poi ci sono alcuni che “approfittano di questa situazione e trovano il terreno adatto per farsi avanti”, ha spiegato la senatrice a vita.

Un lungo applauso, commosso ed emozionato del Parlamento europeo, ha salutato il discorso della Segre. L’Eurocamera ha poi osservato un minuto di silenzio su richiesta del presidente David Sassoli. Molto emozionati gli europarlamentari durante il discorso di Segre stando alle immagini diffuse dal circuito video.

Liliana Segre, reduce italiana dell’Olocausto, è stata nominata senatrice a vita il 19 gennaio 2019 dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Nata a Milano il 10 settembre 1930 in una famiglia ebraica, nel 1938 lei e i suoi parenti vennero colpiti dalle leggi razziali emanate dal regime fascista, con cui vennero fortemente limitate le libertà degli ebrei italiani.

Con l’inizio della guerra e l’intensificarsi delle persecuzioni razziali, nel dicembre 1943 – quando il nord Italia era occupato dalle truppe tedesche – Liliana Segre e la sua famiglia cercarono di raggiungere la Svizzera, senza riuscirci.

Leggi anche:

La risposta di Liliana Segre alle parole di Alessandra Mussolini

Mussolini, se puoi dire certe idiozie su Segre è grazie a chi ha liberato l’Italia da tuo nonno (di G. Cavalli)

Laura Boldrini contro Alessandra Mussolini per le parole su Liliana Segre: “La prossima volta conta fino a 10”

Liliana Segre racconta la crisi col marito: “Aderì alla destra di Almirante, gli chiesi di scegliere tra me e la politica”

Insulti e minacce sui social a Liliana Segre nella Giornata della Memoria

“Vi racconto il coraggio di mia madre, che nascose in casa ebrei e soldati inglesi in fuga dai campi di concentramento”

380k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.