Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:22
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

C’è il Quirinale dietro la “svolta” pro-Draghi di Di Maio

Immagine di copertina

Al Quirinale sono di poche parole, ma quando vogliono sanno farsi capire molto bene. Sta di fatto che i soliti bene informati giurano che dietro l’apparente svolta “draghiana” di Luigi Di Maio ci sia proprio l'”uomo del Colle”.

Nella “fragile cornice” attuale, il Movimento 5 Stelle ha “il dovere di partecipare, ascoltare e di assumere poi una posizione sulla base di quello che i parlamentari decideranno”. Lo ha appena scritto in una nota Luigi Di Maio, in merito all’avvio oggi delle consultazioni del premier incaricato Mario Draghi. Insomma, la tanto agognata (da Draghi) svolta dei 5Stelle pare essere a portata di mano.

Non senza lo sprone del Quirinale, che ha chiesto “di rispettare l’interlocutore (cioè Draghi) e di sentirlo parlare prima di decidere”.

Non per niente, nelle ultime ore autorevolissime indiscrezioni parlavano di un colloquio tra Giggino Di Maio e il Capo dello stato. Che sarebbe anche stato tranquillizzato sulla posizione di Beppe Grillo in merito al nascituro governo. Anche perché se dovesse fallire Draghi ci sarebbero soltanto le elezioni (e non il ritorno di Conte, come alcuni credono). Il ché comporterebbe la “decimazione” delle attuali forze politiche per mano del taglio dei parlamentari e dei pessimi sondaggi.

Leggi anche: 1. Sono grato a Conte. La prospettiva politica dell’alleanza giallorossa non va dispersa (di Goffredo Bettini) / 2. Perché bisogna dire no a Draghi (di Alessandro Di Battista) /3. Il sonno della politica genera tecnici (di S. Mentana)

4. Conflitto d’interenzi (di Giulio Gambino) / 5. Il dilemma Pd: un governo Draghi è possibile. Ma solo governando con la destra sovranista / 6. La verità che nessuno ha il coraggio di dirvi: Renzi oggi vuole solo una cosa. Spaccare il Pd (di Luca Telese)

Ti potrebbe interessare
Politica / Soldi guadagnerà più di Foa. E intanto Fuortes parla coi leader dei partiti
Politica / Berlusconi sogna il Quirinale, Meloni teme la congiura: cosa c’è dietro il summit Silvio-Giorgia in Sardegna
Cultura / Quando Pennacchi mi disse: "Io non sono di destra, sono i fascisti che stavano a sinistra" (di C. Sabelli Fioretti)
Ti potrebbe interessare
Politica / Soldi guadagnerà più di Foa. E intanto Fuortes parla coi leader dei partiti
Politica / Berlusconi sogna il Quirinale, Meloni teme la congiura: cosa c’è dietro il summit Silvio-Giorgia in Sardegna
Cultura / Quando Pennacchi mi disse: "Io non sono di destra, sono i fascisti che stavano a sinistra" (di C. Sabelli Fioretti)
Politica / Salvini ha presentato quasi mille emendamenti per fermare il Green Pass
Politica / Draghi non ha cancellato alcun segreto di Stato: ecco perché non vedremo mai i documenti scottanti NATO su Gladio e P2
Politica / La sindrome di Draghi nella Lega: Giorgetti è il leader parallelo che segue Mario
Politica / La Camera approva la riforma del processo penale: 396 sì
Politica / Nasce "Italia Domani", il sito per monitorare opere e costi del Pnrr
Politica / Viminale: elezioni amministrative il 3 e 4 ottobre
Politica / Dal fratello di Maradona al compagno della Carrà: quei vip candidati alle elezioni comunali