Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 09:16
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Conte apre alla verifica di maggioranza, Renzi insiste: “Se il Parlamento non fa politica qualcosa non va”

Immagine di copertina

Contestato frontalmente da Matteo Renzi e criticato fra le righe da una parte consistente del Pd e del Movimento 5 Stelle, il premier Giuseppe Conte apre a una verifica di maggioranza: un confronto prima con “le singole forze politiche” e poi “collegialmente” che dovrebbe tenersi all’inizio della prossima settimana.

Sul tavolo, come noto, da giorni, c’è il tema spinoso del Recovery Plan e, in particolare, di chi dovrà elaborarlo e gestirne i lavori. Conte ha puntato sulla cosiddetta “piramide”, una task force di manager e tecnici al cui vertice c’è proprio il premier. Una strategia troppo accentratrice, secondo Italia Viva e gli altri, che invocano un maggior coinvolgimento della squadra dei ministri e del Parlamento.

“In queste ore montano le polemiche di chi dice che in piena pandemia non si può fare politica. Io ho un concetto diverso della parola politica. Se, davanti alla più grave crisi economica del dopoguerra, il Parlamento non può fare politica perché non può discutere di dove mettere i soldi dei nostri figli e il Governo deve farsi sostituire da una task force di trecento consulenti significa che c’è qualcosa che non va”, scrive nella sua E-news Renzi, che ieri – intervistato dal quotidiano spagnolo El Pais – si è detto pronto a far cadere il governo. “La cosa incredibile di questa vicenda è che privatamente tutti ci danno ragione e poi in pubblico, in molti, prendono le distanze”.

E il deputato di Italia Viva Roberto Giachetti rincara la dose in una intervista a TPI: “Credo che Conte non sia mai stata la persona adatta. Penso che la politica oggi sta abdicando la sua funzione a tecnici ed esperti, ma è arrivato il momento in cui recuperi le sue responsabilità”.

A Conte e a Italia Viva si è rivolto giovedì il segretario del Pd, Nicola Zingaretti: “Irresponsabile dare spazio alle incomprensioni”, ha scritto il leader dem in un lungo messaggio su Facebook. Il suo vice, Andrea Orlando, ospite venerdì sera a Otto e Mezzo su La7, chiarisce: “Noi abbiamo chiesto a Conte una verifica del programma, abbiamo portato le nostre proposte e stiamo facendo iniziative per spiegarle. Non siamo stati noi a mettere, in pieno di quel percorso, un incontro tra Conte e Renzi sull’ipotesi del rimpasto. Ma noi abbiamo la pretesa di avere un punto di vista dentro una coalizione tra forze diverse ma abbiamo sempre cercato di farlo valere attraverso la mediazione. Come è saltato lo spirito di mediazione, siamo di nuovo fermi”.

Intanto, il premier incassa il sostegno dell’ex deputato Alessandro Di Battista, capofila dei ribelli M5S: “È da irresponsabili, da folli, pensare di far cadere Giuseppe Conte o parlare di rimpasto in tempi di pandemia”, dice in una intervista a Il Fatto Quotidiano. Secondo Di Battista, “è ridicolo ipotizzare di far cadere questo esecutivo per una task force”. “Vogliono una crisi di governo ora, con il rischio concreto di una terza ondata e proprio mentre la Bce inizia a comportarsi davvero come una Banca centrale europea (e speriamo che continui a farlo)? Solo in Italia in una fase così drammatica si parla di cose del genere”. “Non stanno contestando il presidente del Consiglio sulla base di questioni concrete, bensì solamente per gelosie interne”, attacca il pentastellato. “Matteo Renzi è quanto di peggio ci sia attualmente nelle nostre istituzioni, io l’ho sempre detto, anche nei giorni nei quali si formò questo governo. Non è accettabile ascoltare ultimatum da chi ha perso le scorse elezioni”.

Leggi anche:
1. Giachetti (Iv) a TPI: “Conte? Sue capacità da discutere. Per il Recovery Plan va coinvolta l’opposizione”
2. Recovery Plan, il governo faccia di più per i giovani: per l’istruzione previsti solo 19 miliardi su 209

Ti potrebbe interessare
Politica / Giustizia, tra i reati esclusi dall’improcedibilità manca il disastro ambientale. +Europa: “Rischio impunità”
Politica / Sulla giustizia Conte e i 5 Stelle si piegano a Draghi e dagli Usa applaudono Super Mario
Opinioni / La pericolosa deriva degli ultras di Draghi: “Se cade Mario, vogliamo i militari”
Ti potrebbe interessare
Politica / Giustizia, tra i reati esclusi dall’improcedibilità manca il disastro ambientale. +Europa: “Rischio impunità”
Politica / Sulla giustizia Conte e i 5 Stelle si piegano a Draghi e dagli Usa applaudono Super Mario
Opinioni / La pericolosa deriva degli ultras di Draghi: “Se cade Mario, vogliamo i militari”
Politica / “Fascisti, vergognatevi”: Fratelli d’Italia occupa l’Aula contro il Green Pass, bagarre alla Camera
Politica / “Se cade Draghi, governo militare”: Marcello Sorgi su La Stampa lo ha scritto davvero
Politica / Giustizia, trovato l'accordo col M5S dopo una giornata di tensione in Cdm
Politica / Pesaro, manifestazione no vax sotto casa del sindaco. "Spaventate la mia famiglia, squadristi"
Politica / Green pass e vaccini, la doppia faccia di Salvini: populista in piazza e in tv, ubbidiente nel governo
Politica / Altro che unità nazionale: dalla giustizia ai vaccini, maggioranza più spaccata che mai
Politica / Mattarella: “Il vaccino è un dovere. La libertà è limitata dal virus, non dal Green Pass”