Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

La Camera approva il Recovery Plan con 442 sì. FdI si astiene

Immagine di copertina
Camera dei deputati

La risoluzione di maggioranza approvata con 442 voti a favore, 19 contrari e 51 astenuti

La Camera dei deputati ha approvato la risoluzione di maggioranza sul Recovery Plan presentato ieri dal presidente del Consiglio Mario Draghi, con 442 voti a favore, 19 contrari e 51 astenuti. Tutte le forze di maggioranza hanno votato in favore del Piano nazionale di ripresa e resilienza, che ha l’obiettivo di rilanciare l’economia italiana dopo la crisi innescata dalla pandemia di Covid-19. Si è astenuto invece Fratelli d’Italia, guidato di Giorgia Meloni, l’unico partito d’opposizione. Toccherà adesso al Senato, dove il discorso di Draghi è previsto alle ore 15, discutere e approvare la risoluzione sulle comunicazioni del presidente del Consiglio.

Le risorse a disposizione

“Nel complesso potremo disporre di circa 248 miliardi di euro”, ha spiegato ieri Draghi, illustrando il Pnrr alla Camera. “A tali risorse, si aggiungono poi quelle rese disponibili dal programma React-Eu che, come previsto dalla normativa Ue, vengono spese negli anni 2021-2023.  Si tratta di altri fondi per ulteriori 13 miliardi. Se si tiene conto solo di Rrf e del Fondo Complementare, la quota dei progetti ‘verdi’ è pari al 40 per cento del totale. Quella dei progetti digitali il 27 per cento, come indicato dalle regole che abbiamo deciso in Europa”. Qui i dettagli sul piano.

Recovery Plan approvato alla Camera: cosa succede adesso

Dopo l’approvazione alla Camera e quella al Senato (che appare scontata) il testo sarà inviato a Bruxelles entro il 30 aprile, per ricevere l’ok della Commissione europea. Successivamente, il governo varerà tre decreti e leggi delega. Un decreto servirà a snellire le norme per rendere più rapide le autorizzazioni del Pnrr, con la nascita di un apposito ufficio a Palazzo Chigi. Un altro servirà per le assunzioni nella P.a. che rafforzeranno l’attuazione del Recovery. Il terzo per definire la governance del piano: una cabina di regia a Palazzo Chigi che dovrebbe coinvolgere le amministrazioni coinvolte, gli enti locali, le parti sociali.

Leggi anche: 1.  Draghi presenta il Recovery Plan: “Avremo 248 miliardi. In gioco il nostro destino, ho fiducia negli italiani”/2. Fratoianni a TPI: “Conte caduto per il Pnrr, ma Draghi lo ha gestito anche peggio” /3. Recovery plan, salta il salario minimo nell’ultima versione inviata al Parlamento /4. “Pensavamo che con Draghi ci sarebbe stata una svolta, ma nel Pnrr le donne sono ancora invisibili”: parla l’economista Azzurra Rinaldi

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO
TUTTI I NUMERI SUL COVID NEL MONDO
Ti potrebbe interessare
Opinioni / La lezione che possiamo trarre dal voto delle europee
Politica / Cosa sappiamo dell'aggressione alla Camera al deputato Donno (M5S)
Politica / Premierato, il Senato approva l’elezione diretta del presidente del Consiglio
Ti potrebbe interessare
Opinioni / La lezione che possiamo trarre dal voto delle europee
Politica / Cosa sappiamo dell'aggressione alla Camera al deputato Donno (M5S)
Politica / Premierato, il Senato approva l’elezione diretta del presidente del Consiglio
Politica / Dal boom di Meloni e Decaro al flop 5 stelle: vincitori e vinti del voto di preferenza
Politica / Messaggi antisemiti, si dimette il portavoce del ministro Lollobrigida
Politica / Meloni vs Schlein: l’Italia è tornata nel bipolarismo?
Opinioni / Meloni vince in un’Italia pietrificata in sé stessa
Esteri / L’estrema destra avanza in Germania e Francia, ma la coalizione “Ursula” regge. Macron convoca nuove elezioni
Esteri / Meloni: "Risultato clamoroso". Schlein: “Siamo il partito che cresce di più”. Conte: “Risultato deludente, rifletteremo”
Esteri / Fdi sfiora il 30%, bene il Pd (24%). Forza Italia (9,7%) supera di poco la Lega, crolla il M5S (10%)