Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:41
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Beppe Grillo: “Lo Stato paghi i tamponi ai lavoratori”. Ma Orlando si oppone

Immagine di copertina
Credit: ANSA/GIUSEPPE LAMI

Beppe Grillo: “Lo Stato paghi i tamponi ai lavoratori”. Ma Orlando si oppone

“Sul green pass serve pacificazione”. Lo ha dichiarato Beppe Grillo, che in un post sul suo blog ha spiegato “da buon ragioniere” perché converrebbe rendere gratuiti i tamponi per chi lavora. Una proposta quella lanciata dal fondatore del Movimento 5 Stelle in vista dell’entrata in vigore dell’obbligo del green pass a carico di tutti i lavoratori pubblici e privati il prossimo venerdì 15 ottobre, che ha incontrato però la netta contrarietà del ministro del Lavoro, il vicesegretario del Partito democratico Andrea Orlando.

“Ho sempre avuto una passione per i numeri e così, da buon ragioniere, in questi ultimi giorni ho preso carta e penna e ho buttato giù alcuni appunti che voglio condividere con voi”, ha detto Grillo nel suo post, spiegando i calcoli che lo portano a stimare “3-3,5 milioni [di lavoratori senza vaccino], su 23 milioni di lavoratori, il 13%-15% circa”. “Se lo Stato decidesse, come auspicabile, di pagare i tamponi per entrare in azienda, per questi lavoratori, servirebbe circa 1 miliardo di euro fino a dicembre 2021”, afferma Grillo, proponendo di far anticipare il costo dei tamponi alle aziende, poi rimborsate dall’Inps, “come succede in genere per la cassa integrazione ordinaria sui versamenti dei contributi aziendali”.

L’idea di Grillo per contribuire alla “pacificazione” del dibattito è stata immediatamente respinta dal ministro del Lavoro Orlando, che ha parlato di messaggio sbagliato. “Io ho sempre detto una cosa, mi sembra ragionevole pensare a tutte le forme possibili di calmierazione, ma far diventare il tampone gratuito significa dire sostanzialmente che chi si è vaccinato ha sbagliato”, ha detto l’ex ministro della Giustizia. “Io penso invece che noi dobbiamo dire che chi va a lavorare e chi ancora non è convinto può avere anche un trattamento parzialmente diverso rispetto a chi non deve andare a lavorare”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, il video reportage dalla manifestazione dei sindacati: “Dire no al fascismo significa dare speranza alle donne e ai giovani”
Cronaca / Covid, oggi 2.983 casi e 14 morti: tasso di positività allo 0,6%
Cronaca / I sindacati scendono in piazza dopo l’assalto alla Cgil. Landini: "Le organizzazioni fasciste devono essere sciolte"
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Roma, il video reportage dalla manifestazione dei sindacati: “Dire no al fascismo significa dare speranza alle donne e ai giovani”
Cronaca / Covid, oggi 2.983 casi e 14 morti: tasso di positività allo 0,6%
Cronaca / I sindacati scendono in piazza dopo l’assalto alla Cgil. Landini: "Le organizzazioni fasciste devono essere sciolte"
Cronaca / Green Pass, l’Italia non si blocca: proteste in tutto il Paese contro l’obbligo sul luogo di lavoro, ma senza disagi
Cronaca / Covid, oggi 2.732 casi e 42 morti: il bollettino del 15 ottobre 2021
Cronaca / Due gemelli cambiano sesso lo stesso giorno: Giulio e Guido sono Giulia e Gaia
Cronaca / Addio ad Alitalia, nasce Ita Airways: nuovo logo, aerei azzurri e tricolore sulla coda
Cronaca / Green Pass, i no vax Barillari e Cunial occupano gli uffici della Regione Lazio
Cronaca / Green Pass obbligatorio, ma i tamponi non bastano per tutti i lavoratori
Cronaca / I No Pass non fermano l'Italia: niente blocco a Trieste