Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 17:14
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

“Un leghista si offende perché Gesù era ebreo”. Giulio Cavalli commenta le notizie di oggi

Le notizie di oggi: la svolta nell’omicidio di Luca Sacchi, Miss Hitler, il caso Open e il leghista offeso perché Gesù era ebreo

A proposito dell’omicidio di Luca Sacchi a Roma e tutta la manfrina su Roma “città insicura” e tutto lo sciaccallaggio politico. In effetti non si può nemmeno stare tranquilli a comprare un’ingente quantità di droga, come dice la Procura, eh.

Poi c’è questo vergognoso video del consigliere leghista di Trieste Tuiach, che non vota la mozione in favore di Liliana Segre perché si è offeso quando ha saputo che Gesù era “ebreo”. Ignoranti, sempre. E c’è anche “miss Hitler”.

Dopo Mani Pulite, nella consultazione del 1993 si impone l’idea che i partiti debbano trovare altre forme di finanziamento con sistemi di assoluta trasparenza. La riforma del 2014, presidente del Consiglio Enrico Letta, elimina gradualmente il finanziamento pubblico, e introduce maggiori obblighi di rendicontazione, come associazioni e fondazioni regolate in modo diverso dai partiti. Con il cosiddetto “spazzacorrotti”, poi modificato dal decreto crescita, il parlamento equipara fondazioni, associazioni e comitati politici ai partiti.

Su 108 fondazioni politiche analizzate da Transparency International Italia poco meno della metà diffondono il proprio statuto, 72 l’organigramma, in 15 pubblicano il proprio bilancio online, 8 rendono disponibili i nomi di soci o finanziatori, solo la Fondazione Open di Renzi abbina la cifra della donazione al nominativo del finanziatore.

Il livello di opacità è dunque di vasta portata. Anche perché la commissione parlamentare di garanzia dovrebbe monitorare le attività di 53.904 politici nazionali e locali. Un numero talmente alto da rendere l’operazione impossibile. Più che la solita commissione d’inchiesta invocata da più parti, servirebbe ora una legge di sistema adeguata, pulita e trasparente.

Infine, c’è la Lega che non vota il blocco tariffe per le autostrade A24 e A25.

Leggi anche:

Anastasiya aveva 70mila euro per acquistare 15 kg di droga, Luca forse non sapeva

“Volevano rifondare il partito nazista”: indagata anche Miss Hitler, una 26enne di Milano | VIDEO

Se non avete capito nulla del caso Open leggete questi articoli

Ti potrebbe interessare
Opinioni / L’irritazione di Palazzo Chigi per la visita di Grillo all’ambasciatore cinese: ecco perché Conte ha dato forfait
Opinioni / L’altra faccia dello sfruttamento: i migranti servono ad arricchire i paesi occidentali, dell’Africa non importa a nessuno
Opinioni / Perdere a Roma per scaricare la sconfitta sulla Meloni: il piano di Salvini per riprendersi il centrodestra
Ti potrebbe interessare
Opinioni / L’irritazione di Palazzo Chigi per la visita di Grillo all’ambasciatore cinese: ecco perché Conte ha dato forfait
Opinioni / L’altra faccia dello sfruttamento: i migranti servono ad arricchire i paesi occidentali, dell’Africa non importa a nessuno
Opinioni / Perdere a Roma per scaricare la sconfitta sulla Meloni: il piano di Salvini per riprendersi il centrodestra
Opinioni / Benvenuti nell’era del populismo vaccinale: il Governo blocca (di nuovo) AstraZeneca ma non spiega perché
Opinioni / Se Poste Italiane si impossessa del titolo di prima del più importante quotidiano finanziario italiano
Calcio / “Mamma li turchi”, secoli di storia dietro l’esordio a Euro 2020
Opinioni / Ennesimo caos AstraZeneca: la politica che crocifiggeva Conte ma tace sul Governo Draghi
Cultura / La sorveglianza ormai è una cultura, e la reazione deve essere culturale
Opinioni / La movida, il fenomeno chiamato così solo da chi la dipinge in un certo modo
Opinioni / Il paradosso di Confindustria (e di parte del governo): “C’è la ripresa quindi si può licenziare”