L’attacco di Gallera agli “pseudogiornalisti” non riguarda solo TPI, ma tutti noi cittadini (di L. Tosa)

Di Lorenzo Tosa
Pubblicato il 24 Mag. 2020 alle 13:38 Aggiornato il 24 Mag. 2020 alle 13:54
1.9k
Immagine di copertina
L'assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera. Credit: Ansa

L’attacco di Gallera agli “pseudogiornalisti” non riguarda solo TPI, ma tutti noi cittadini

Se non ci fossero 16mila morti di mezzo, quasi 100mila contagiati e una regione al collasso economico e sanitario, farebbe quasi tenerezza. Un uomo delle istituzioni, un assessore regionale alla Sanità, uno che da tre mesi si occupa a tempo pieno di emergenza Covid, costretto a leggere su un tablet – perché a memoria è impresa ardua – cosa significhi la sigla RT, cercando di convincersi (più che convincerci) che è esattamente quello che intendeva dire. Insomma, la più classica delle toppe peggiori del buco. Eppure, si fosse limitato a questo, tutto sommato oggi potremmo dichiarare chiuso il caso con un po’ di imbarazzo e occuparci di cose serie.

Solo che l’ineffabile assessore Gallera non si è minimamente fermato lì, avventurandosi in una intemerata senza precedenti con cui, invece di scusarsi (se non dimettersi) ha rilanciato, prendendosela con chi ha osato criticarlo, in un copione sinistramente simile a quello a cui abbiamo assistito nei giorni scorsi in Parlamento con il caso Ricciardi. E lo ha fatto con tanto di nomi, cognomi e testate: in particolare l’ex assessore milanese Pierfrancesco Majorino, oggi eurodeputato Pd; blog di – come dice lui – “pseudogiornalisti” (ad occhio, credo si riferisse a me); e, soprattutto, la testata su cui state leggendo queste righe. L’unica colpa di TPI? Quella di essere stato l’unico giornale che, dal primo giorno, ha raccontato con coraggio e senza sconti le gravissime responsabilità politiche (quelle penali non spettano a noi) della giunta regionale lombarda nella gestione dell’emergenza Coronavirus.

In un Paese appena più decente di questo, un assessore alla Sanità pizzicato a non conoscere neppure la più elementare modalità di contagio si sarebbe dimesso cinque minuti dopo, spernacchiato da destra e sinistra. Qui non solo non si dimette. Non solo non si scusa. Ma addirittura fa un imbarazzante video di cinque minuti che apre e chiude offendendo avversari politici e stampa: i primi colpevoli di fare opposizione e i secondi di dare notizie. La reazione violenta e stizzita di Gallera è infinitamente più grave della gaffe stessa. Perché, se la prima dimostra oltre ogni ragionevole dubbio la conclamata incompetenza del Gallera politico, la seconda mette a nudo l’insostenibile arroganza di una classe politica abituata a considerare quotidiani e giornali – e qui le responsabilità sono da dividere equamente – come la grancassa della propria propaganda. E, guardate, non è un problema che riguarda solo TPI o qualche “pseudogiornalista” (come li chiama lui) ma noi tutti come comunità di cittadini che meritano un’informazione onesta, capace, coraggiosa, dura quanto e quando serve.

Un diritto che diventa addirittura questione di vita o di morte nel caso di una pandemia come quella che stiamo vivendo, e il caso Lombardia lo dimostra in maniera inequivocabile. Se, oltre a TPI e poche voci critiche – di cui immodestamente mi fregio di aver fatto parte – non avessero messo a nudo la spaventosa quantità di sprechi, omissioni, ritardi, errori marchiani di cui si è politicamente reso responsabile il duo Gallera-Fontana, oggi forse molte di quelle sciagure neanche le sapremmo o sarebbero emerse con grande e grave ritardo. È a questo, caro Gallera, che servono stampa e opposizione: a vigilare su chi ha l’onere di prendere decisioni, in alcuni casi anche molto difficili. Il video arrogante e vagamente minaccioso con cui ieri ha risposto sdegnato alle critiche non fa onore a un rappresentante delle istituzioni, lasciando in tutti i noi il fondato sospetto che ne sappia più di virus e indici di contagiosità che di democrazia e libertà di stampa. E questo, mi creda, ci creda, è molto, ma molto più preoccupante.

Leggi anche: 1. Per contagiare lo pseudo-assessore Gallera servono due infetti. Per salvare la Lombardia bastano due dimissioni (di G. Gambino) 2.Dopo la gaffe ora Gallera se la prende con noi di TPI: “Blogger pseudo giornalisti”

3. Coronavirus in Lombardia, Fontana: “Il mio assessore ha sbagliato” / 4. L’ultima follia di Gallera e Fontana: chiedono ai lombardi di farsi i tamponi da soli. Ma pagando 70 euro (di S. Lucarelli)

5. “Mio padre morto di Covid e la mia famiglia costretta a spendere 500 euro tra test sierologici e tamponi privati”, la denuncia a TPI /6.  Storia di un lombardo che vorrebbe tornare a vivere sapendo se è positivo /7. Non solo la gaffe sull’indice di trasmissibilità, Gallera sminuisce la gravità della situazione in Lombardia

1.9k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.