Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Quel file del Ministero sul Covid tenuto segreto per non scatenare il panico: cittadini trattati come una mandria

Immagine di copertina

Covid, quel file del Ministero secretato: cittadini trattati come una mandria

Oggi sul Corriere della Sera, a firma di Monica Guerzoni, si leggono le dichiarazioni del direttore generale della Programmazione sanitaria del ministero della Salute, Andrea Urbani, che racconta che già a gennaio dal ministero è uscito un “piano nazionale dell’emergenza” per contrastare il Coronavirus. Il documento, si legge nell’articolo, “contiene tre scenari per l’Italia, uno dei quali troppo drammatico per essere divulgato senza scatenare il panico tra i cittadini. Per questo il piano è stato secretato”. Dice Urbani: “Già dal 20 gennaio avevamo pronto un piano secretato e quel piano abbiamo seguito. La linea è stata non spaventare la popolazione e lavorare per contenere il contagio”.

L’intervista, passata molto sotto traccia, è piuttosto grave: un tecnico del governo ci dice, sostanzialmente, che tutta questa narrazione del cataclisma arrivato all’improvviso è stata solo un modo per indorare la pillola ai cittadini all’oscuro di tutto e ci conferma ancora una volta che gli italiani continuano a essere trattati come una masnada di ragazzini da tenere a bada e da confortare con false rassicurazioni.

Nel pezzo si cita anche una circolare del 5 gennaio inviata a regioni e ministeri (che ha come oggetto “polmonite da eziologia sconosciuta – Cina”) in cui la Direzione generale della prevenzione sanitaria riporta i sintomi clinici dei primi 44 casi di Wuhan e in cui si riportano le sbagliatissime raccomandazioni dell’Oms in quei giorni, secondo cui bisogna evitare “qualsiasi restrizione ai viaggi e al commercio con la Cina”. E qui torniamo su ciò che più infastidisce in questi tempi di quarantena da parte del governo. Ma è normale che una figura tecnica (e non un rappresentante del governo) rilasci dichiarazioni in cui si confessa di avere mentito ai cittadini per non creare panico con tanta leggerezza?

È normale che ancora oggi delle informazioni essenziali sui percorsi decisionali del recente passato escano come indiscrezioni? È normale che non ci sia discussione parlamentare su questo? Se il governo vuole godere di fiducia deve meritarsela e per meritarsela forse dovrebbe scrollarsi di dosso questo atteggiamento paternalistico che vede i cittadini come una mandria ubbidiente da portare al pascolo per i prossimi mesi. Qui non si tratta solo di salvarsi: c’è il diritto di sapere, capire, dibattere e valutare. Sarebbe il caso di non abusare della pazienza degli italiani e tornare al proprio ruolo: politici, non autorevoli padri di famiglia.

Leggi anche: 1. ESCLUSIVO TPI – La catena di comando che poteva fermare il virus all’ospedale di Alzano Lombardo ma non l’ha fatto / 2. Quelle migliaia di vittime che potevamo risparmiarci con la zona rossa ad Alzano e Nembro: i dati che certificano una tragedia / 3. ESCLUSIVO TPI: Una nota riservata dell’Iss rivela che il 2 marzo era stata chiesta la chiusura di Alzano Lombardo e Nembro. Cronaca di un’epidemia annunciata

4. Il virologo Tarro a TPI: “Il lockdown non ha senso, il caldo e il plasma dei guariti possono fermare il Covid” / 5. Pregliasco a TPI: “L’estate al mare? Irreale. Siamo ancora nella fase 1” / 6. Galli a TPI: “La Lombardia ha fallito. Riaprire le aziende? Rischioso, ancora un mese di stop”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO
CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Mario non è più super: Draghi ha messo le sue ambizioni davanti agli interessi del Paese (di R. Barenghi)
Opinioni / Al Colle o a Palazzo Chigi, Mario Draghi ha perso il “Whatever It Takes”
Opinioni / Mentre si celebra la giornata della Memoria, in Libia i migranti muoiono nell’indifferenza generale
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Mario non è più super: Draghi ha messo le sue ambizioni davanti agli interessi del Paese (di R. Barenghi)
Opinioni / Al Colle o a Palazzo Chigi, Mario Draghi ha perso il “Whatever It Takes”
Opinioni / Mentre si celebra la giornata della Memoria, in Libia i migranti muoiono nell’indifferenza generale
Opinioni / Indiscreto, Salvini pensa a Cassese per accontentare Draghi nel prossimo settennato
Opinioni / Il prezzo della politica (di G. Gambino)
Opinioni / Indiscreto: qualunque Presidente verrà eletto, non c’è più l’unità nazionale per andare avanti
Opinioni / Incontra i leader di partito, coltiva la sua autocandidatura e sceglie il suo successore: Draghi disposto a tutto per il Quirinale
Opinioni / Casellati, Casini e Draghi: ecco quali sono i nomi sui quali stanno ragionando i partiti in queste ore
Opinioni / Con il voto per il Quirinale non si decide solo il Presidente della Repubblica, ma il futuro del Governo
Opinioni / Le donne di Kabul sfidano i talebani: “Adesso diamo voce a chi tace” (di W. Samadi)