Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 20:40
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Coronavirus, quei morti che nessuno può salutare, come durante una guerra (di F. Salamida)

Immagine di copertina
Le bare a Bergamo Credits: Ansa

In questi giorni si parla molto di una delle più tragiche conseguenze della pandemia che stiamo affrontando: l’impossibilità di celebrare i funerali di chi muore infettato dal nemico invisibile. La descrive bene su queste pagine Luca Telese, in un bellissimo articolo che consiglio vivamente di leggere in cui parla della “fine di ogni rapporto tra la società civile e i suoi corpi”.

La celebrazione dei morti, quel congedo che in alcune località del nostro Meridione passa ancora per lunghe litanie di donne velate ai piedi di bare scoperchiate in cui i defunti giacciono alla vista di parenti e amici che possono guardarlo, sfiorarlo e posare le labbra sul suo corpo per l’ultima volta, o semplicemente per i più comuni riti religiosi e laici che uniscono per il breve tempo di un ricordo collettivo le piccole e grandi comunità che si formano intorno a ognuno di noi, oggi sono negati. I corpi diventano cenere e torneranno, chissà quando, in anonime urne sigillate.

È qualcosa che non siamo più abituati a vivere da generazioni: qualcosa che ci colpisce e ci fa inorridire “a debita distanza” quando avviene lontano da noi e dalla nostra quotidianità, quando i morti che nessuno può salutare corpi dilaniati dalle bombe in Siria o inghiottiti dal mare a largo delle nostre coste. In questa parte del pianeta l’ultimo momento della storia in cui si è perso il contatto con i corpi di così tanti defunti è stata la Seconda Guerra Mondiale. Ed è un dolore inedito, lacerante, totale: quel morto non è più un tuo caro, è un numero sempre più invisibile man mano che ne arrivano altri a rendere sempre più spaventoso il totale.

Siamo un popolo che si porta dentro secoli di culture che in noi si sono incontrate e hanno trovato sintesi: persino questo cantare alle finestre e ai balconi per creare un senso di condivisione e di unità è forse figlio di riti più antichi. Esorcizzare la morte salutando per l’ultima volta il corpo di chi ci lascia, indugiare con lo sguardo fino a quando quel coperchio viene chiuso, accompagnare il feretro fino al luogo dove simbolicamente riposerà, È un pezzo della vita di ognuno di noi. Il nemico invisibile a molti ha tolto anche questo.

Leggi anche: 1. Coronavirus, l’Italia supera 3mila morti: più della Cina e di tutti gli altri Paesi del mondo 2.  “Un ospedale per i malati ci sarebbe: il Forlanini, ma la Regione lo ha bloccato”. Parla il prof Martelli

3. Coronavirus, i ricercatori cinesi in Italia: “Vi abbiamo portato il plasma con gli anticorpi” /4. Coronavirus, Bergamo: così vengono curati i pazienti, sistemati anche nei corridoi

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

Ti potrebbe interessare
Opinioni / La statua della porchetta, celebrazione del rituale tutto romano della magnata
Opinioni / Non esiste felicità personale finche non lo sono tutti: ecco perché è importante vaccinarsi
Opinioni / Madame bambocciona: la rap-star che fa i capricci a tavola (di R. Bocca)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / La statua della porchetta, celebrazione del rituale tutto romano della magnata
Opinioni / Non esiste felicità personale finche non lo sono tutti: ecco perché è importante vaccinarsi
Opinioni / Madame bambocciona: la rap-star che fa i capricci a tavola (di R. Bocca)
Opinioni / Dal Vaticano a Orban, passando per Salvini e Meloni: in Europa è in atto un’offensiva contro i diritti Lgbt
Opinioni / Delitti d’onore e matrimoni forzati: ci sono diversità che non arricchiscono
Opinioni / Draghi irritato con Conte dopo le parole dell’ex premier sul Recovery: ormai tra i due è “guerra fredda”
Opinioni / Anziché intromettersi sul ddl Zan il Vaticano pensi ai reati sessuali dei preti
Esteri / L'obbedienza agli Usa non è una virtù: vuol dire essere succubi del capitalismo finanziario (di A. Di Battista)
Opinioni / Lo shwa e il linguaggio inclusivo: quella piccola “ǝ” che cerca di sovvertire secoli di sessismo della lingua italiana
Cronaca / La vigliaccheria degli anti-antirazzisti: criticano i calciatori inginocchiati ma non fanno nulla per contrastare l’odio