Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

La più grande lezione del Coronavirus? Farci riscoprire le nostre città

Immagine di copertina
Credits: Pixabay

Coronavirus, come abbiamo riscoperto le nostre città nella quarantena

L’acqua di Fontana di Trevi ha continuato a sgorgare sotto lo sguardo vigile della statua di Oceano. Di fronte, la solita auto della municipale e qualche passante, ma nessun turista, nessuna folla: uno spettacolo che, in tempi normali, avremmo potuto vedere solo all’alba. Anche la statua di Leonardo da Vinci è al suo posto: ormai quasi nascosta dalla strada sopraelevata e dagli edifici che anno dopo anno si aggiungono all’aeroporto di Fiumicino, non assiste al solito convulso via vai di auto che caricano e scaricano di fronte ai terminal viaggiatori e turisti. Sotto le scritte “arrivi” e “partenze” si vede solo qualche persona, magari riuscita a tornare in patria dopo essere rimasta bloccata chissà dove.

Regna l’ordine alla Coop di Colli Aniene: è stranamente silenzioso il vicino Viale Palmiro Togliatti, normalmente popolato da auto che sfrecciano tra i quartieri della cintura est della Capitale. E’ invece ordinata e segue una disciplina di stampo prussiano la fila di persone munite di mascherina e distanti un metro l’una dall’altra in attesa di entrare e fare la spesa. A Roma come in qualsiasi altro luogo d’Italia, da quando abbiamo scoperto che nonostante il progresso scientifico e tecnologico una pandemia come il Coronavirus ci può costringere in casa, le nostre città hanno cambiato faccia, così come le nostre abitudini. Abbiamo sperimentato più fasi di questa situazione, è vero, ma abbiamo scoperto una nuova dimensione di vita.

I nostri quartieri, quali essi siano, si sono svuotati dei turisti e dei lavoratori. Al supermercato c’è stato sempre meno spazio per le insalate da pausa pranzo o per i tramezzini, mentre si sono fatte spazio con prepotenza le confezioni famiglia. Sparivano le giacche, le cravatte e i tailleur e prendevano piede le più comode tute, e iniziavamo a dare un volto a chi, delle migliaia di persone che vediamo in giro ogni giorno, sono i nostri vicini, gli abitanti dei nostri quartieri. Quasi divenuti turisti nella nostra stessa terra, come dei viaggiatori abbiamo ri-scoperto tutto questo.

Oggi, che finalmente possiamo girare di nuovo per le nostre città, andare al ristorante, a messa o a prendere un caffè, scopriamo sensazioni che ci fanno immaginare quella che era la città, Roma nello specifico, qualche decennio fa. Torniamo a sentire il rumore dell’acqua delle fontane, incontriamo di nuovo i gatti, un tempo padroni indiscussi della città, torniamo a sentire il vociare dei bambini. Sparisce invece il rumore dei trolley, niente turisti né pellegrini, si riinizia a dare un volto a chi, nel mare magnum di Roma, sono i suoi veri abitanti.

Questo clima surreale che si è venuto a creare ci ha permesso di contemplare le città con occhi diversi, di ri-scoprire angoli, scorci, magari visti di sfuggita centinaia di volte ma di cui mai c’eravamo accorti. Abbiamo atteso con ansia la riapertura del barbiere e del ristorante, ma abbiamo riscoperto l’alimentari che neanche sapevamo esistesse. Abbiamo cambiato punto di vista. Tornerà il lavoro, torneranno i turisti, in una nuova normalità da scoprire, e ci daremo da fare perché tutti possano stare meglio di prima. Ma non perdiamo la dimensione umana e non smettiamo di scoprire ogni giorno le nostre città.

Leggi anche:

1. Mancata zona rossa Alzano-Nembro, il Viminale smentisce la Procura di Bergamo che invece ha già “assolto” Regione Lombardia. Fontana e Gallera potevano farla se avessero voluto / 2. Avellino, il sindaco festeggia insieme ai giovani: movida fuori controllo | VIDEO / 3. Ma quale colpa del Governo, le Regioni che volevano hanno istituito 117 zone rosse. Anche la Lombardia poteva

4. “Vi spiego cosa intendevo quando ho detto che la Lombardia aggiusta i numeri sul Covid”: Cartabellotta a TPI / 5. Sala ora fa la voce grossa con i gilet arancioni, ma quella manifestazione a Milano chi l’ha approvata? / 6. Caso Baffi: il PD si ritira dalla Commissione d’Inchiesta sul Covid in Regione Lombardia

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI
TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Sui diritti umani c’è ancora tanto da fare, ma le donne iraniane ci ricordano ciò per cui vale la pena lottare
Opinioni / Criminalizza gli studenti e disprezza i poveri: il primo a essere rimandato dovrebbe essere il ministro Valditara (di L. Telese)
Opinioni / Bollette, Buste paga e Benzina: ecco le 3 B dalle quali deve ripartire la sinistra (di G. Gambino)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Sui diritti umani c’è ancora tanto da fare, ma le donne iraniane ci ricordano ciò per cui vale la pena lottare
Opinioni / Criminalizza gli studenti e disprezza i poveri: il primo a essere rimandato dovrebbe essere il ministro Valditara (di L. Telese)
Opinioni / Bollette, Buste paga e Benzina: ecco le 3 B dalle quali deve ripartire la sinistra (di G. Gambino)
Opinioni / I vecchi elenchi non sono carta straccia, raccontano come erano le nostre città (di S. Mentana)
Opinioni / Ma voi ve la ricordate, Letizia Moratti? (di L. Telese)
Opinioni / Discutere di Letizia Moratti per la sinistra è un segno dei tempi. Pessimi
Opinioni / Da “Io sono Giorgia” a “Io sono Mario bis”, il passo è stato breve grazie a Giorgetti (di G. Gambino)
Opinioni / Toccatemi tutto ma non Giorgia: ecco il metodo Sallusti, elogi sperticati alla premier, insulti per tutti gli altri
Opinioni / Pil e felicità vanno di pari passo? (di Marco Cappato)
Opinioni / Cari interventisti vi scrivo: non si può fare la pace con le armi (di R. Pareggiani)