Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:49
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Wikipedia è oscurata in tutta Italia: l’enciclopedia online protesta contro la direttiva Ue sul copyright

Immagine di copertina
La schermata che appare aprendo il sito di Wikipedia

Non è la prima volta che il sito si schiera contro il provvedimento europeo

WIKIPEDIA OSCURATA – Spiacevole sorpresa nella mattinata di lunedì 25 marzo 2019 per tutti gli internauti d’Italia. Wikipedia, l’enciclopedia online più popolare e utilizzata al mondo, è oscurata. O meglio, i proprietari del sito hanno deciso di impedire l’accesso agli utenti che vogliono informarsi sulla loro piattaforma, in senso di protesta.

Il motivo? Domani, 26 marzo, è previsto il voto del Parlamento europeo sul testo definitivo della nuova direttiva europea sul copyright, il diritto d’autore. E Wikipedia fin dal primo momento si è schierata apertamente contro il provvedimento dell’organo titolare del potere legislativo dell’Unione europea.

“La direttiva – si legge nella schermata, tutta in nero, che appare quando si tenta di aprire il sito di Wikipedia – imporrà ulteriori oneri di licenza ai siti web che raccolgono e organizzano le notizie (articolo 11), e forzerà le piattaforme a scansionare tutti i materiali caricati dagli utenti e bloccare automaticamente quelli contenenti elementi potenzialmente sottoposti a diritti d’autore (articolo 13)”.

Perché la direttiva Ue sul copyright potrebbe significare la morte di Internet come lo conosciamo

Nonostante il testo della direttiva europea sul copyright specifichi chiaramente che Wikipedia (enciclopedia online che non ha fini commerciali) sarà automaticamente esclusa dall’obbligo di rispettare le nuove regole sul diritto d’autore, la piattaforma ha deciso comunque di schierarsi contro il provvedimento.

“Entrambi questi articoli – recita ancora la nota di Wikimedia Foundation, che gestisce Wikipedia – rischiano di colpire in modo rilevante la libertà di espressione e la partecipazione online. Nonostante Wikipedia non sia direttamente toccata da queste norme, il nostro progetto è parte integrante dell’ecosistema di internet. Gli articoli 11 e 13 indebolirebbero il web, e indebolirebbero Wikipedia”.

Per questo motivo, dunque, Wikipedia nella giornata di oggi, lunedì 25 marzo, non sarà accessibile per tutti gli utenti italiani. La piattaforma, inoltre, ha invitato tutti a dedicare qualche minuto del proprio tempo per “contattare un tuo rappresentante nel Parlamento europeo e dirgli che non sei disposto ad appoggiare una riforma che contiene l’articolo 11 e l’articolo 13″, inserendo un link con l’elenco degli eurodeputati.

Wikipedia oscurata | I precedenti

Non è la prima volta che Wikipedia decide di bloccare l’accesso agli utenti contro la direttiva sul copyright. Era successo infatti anche nel luglio scorso, quando il Parlamento Ue si apprestava a votare la bozza finale del testo: dal 3 al 5 luglio, l’enciclopedia online è risultata inaccessibile. E un messaggio analogo spiegava l’intento della protesta.

In quell’occasione, però, la Plenaria dell’Europarlamento aveva bocciato la direttiva, approvata poi in una successiva sessione, a settembre 2018, quando Wikipedia aveva ancora una volta deciso di schierarsi, oscurando dal proprio sito tutte le immagini.

Adesso, l’iter di approvazione del testo sul diritto d’autore arriva a uno dei suoi ultimi step. E Wikipedia si schiera ancora apertamente contro: nei giorni scorsi il blocco del sito ha riguardato Germania, Repubblica Ceca, Slovacchia e Danimarca. Oggi arriva anche in Italia.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI