Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:45
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Weekend, il successo in sala del film considerato scabroso dalla Chiesa

Immagine di copertina

Con un ritardo di 5 anni è uscito in Italia il film britannico Weekend, che sta avendo grande successo nonostante la CEI lo abbia bandito dalle sale di sua proprietà

Weekend è un film
indipendente britannico diretto da Andrew Haigh, e nel suo paese d’origine,
così come negli Stati Uniti, è stato distribuito nel 2011 dopo essere stato
presentato in diversi festival internazionali.

Il film sta facendo parlare di sé perché dal 10 marzo è
arrivato anche nelle sale italiane, con ben cinque anni di ritardo rispetto
agli altri paesi, e il suo distributore, Teodora Film, ha dovuto affrontare il
potere del Vaticano per far sì che la pellicola fosse vista nei cinema
nostrani.

Il film è infatti incentrato su una storia d’amore
omosessuale tra due ragazzi britannici, che dopo essersi conosciuti in un pub
trascorrono insieme il weekend.

Il tema non è piaciuto alla Commissione
Nazionale Valutazione Film della CEI (Conferenza Episcopale Italiana), che
possiede molte sale cinematografiche d’essai,
vale a dire quelle che normalmente ospiterebbero pellicole più di nicchia come
questa.

La commissione ha giudicato il film “Sconsigliato/Non
utilizzabile/Scabroso”, e ha impedito attraverso questa condanna che il film
venisse proiettato nelle molte sale di proprietà della Chiesa.

I distributori, pur condannando in modo netto questa
decisione, hanno comunque sfidato la messa al bando e hanno fatto uscire il
film in sole dieci sale su tutto il territorio del paese, invitando gli
spettatori a vederlo durante il primo weekend per aumentare le possibilità che
il film venisse poi messo in programmazione da ulteriori cinema.

L’invito ha evidentemente avuto successo, visto che nel
primo weekend di programmazione Weekend ha
ottenuto una media di incassi per copia di 5.696 euro, la più in alta in
assoluto, sbaragliando la concorrenza. Per dare le dimensioni del successo, a Roma,
la sala 1 del cinema Quattro Fontane ha totalizzato oltre 16mila euro al
botteghino, diventando la prima sala per incasso della città, multiplex
compresi.

Weekend è solo il
secondo film del 2016 a ricevere questo giudizio dalla commissione cattolica:
mentre film come The Danish Girl, con
la storia di un uomo diventato transgender, e Il caso Spotlight, sui casi di pedofilia nella diocesi di Boston,
hanno avuto via libera, nonostante giudizi non positivi, solo Weekend e The Club, del regista cileno Pablo Larrain (dedicato a casi di abusi
da parte del clero) hanno ottenuto la classificazione più severa.

A causa del successo durante il primo fine settimana, il film
è stato proiettato anche in altre sale, e questo è l’elenco dei cinema che
attualmente lo proiettano (lista in aggiornamento sul sito della Teodora Film):

BARI – ABC

BOLOGNA – Cinema Europa

CREMONA – Cinema Chaplin 

FIRENZE – Cinema Spazio Uno

GENOVA – Cinema City 

GORIZIA – Kinemax

MANTOVA – Il Cinema del Carbone

MILANO – SpazioCinema Apollo

MODENA – Cinema Filmstudio 7B 

MONZA – Teodolinda Multisala 

NAPOLI – Cinema Teatro Delle Palme

PARMA – Cinema Edison 

PADOVA – Cinema MultiAstra 

PISA – Arsenale Cinema 

PORDENONE – Cinemazero 

RAVENNA – Astoria Multisala 

RIMINI – Cinema Settebello

ROMA – Cinema Quattro Fontane

TORINO – Cinema Nazionale

TRENTO – Cinema Astra Multisala

TREVISO – Cinema Edera 

TRIESTE – Cinema Ariston 

UDINE – Visionario 

VENEZIA – Cinema Giorgione Multisala 

Qui il trailer del film:

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI