Covid ultime 24h
casi +21.994
deceduti +221
tamponi +174.398
terapie intensive +127

In arrivo il virus di primavera: “Almeno 200mila italiani a rischio”

Di Futura D'Aprile
Pubblicato il 7 Apr. 2019 alle 19:59 Aggiornato il 8 Apr. 2019 alle 09:53
0
Immagine di copertina

Anche se è finito l’inverno, non è il caso di abbassare la guardia: dopo l’influenza bisogna fare attenzione ai virus di primavera.

Come spiega il virologo dell’Università di Milano Fabrizio Pregliasco all’Adnkrons: “Complici gli sbalzi termici, possiamo stimare circa 200mila casi a settimana di forme virali variegate, soprattutto di tipo gastrointestinale”.

“Sta circolando molto, fra gli altri, l’enterovirus, che colpisce a tutte le età e spesso tutta la famiglia”, avverte ancora Pregliasco.

Quando arriva la primavera, poi, è bene prestare attenzione anche alle pollinosi.

“Complici le temperature anche molto elevate delle scorse settimane, molti alberi sono ormai in fiore e le pollinosi arrivano prima. Il problema non è tanto l’allergico noto, che se ne accorge subito e può correre ai ripari”.

“In questi anni stiamo avendo anche adulti di 20-30 anni che si scoprono allergici all’improvviso”, spiega il virologo. “Sono proprio loro a rischiare di confondere i sintomi della pollinosi con infezioni respiratore”.

Per dire se dietro un improvviso malessere vi sia un virus o una allergia, Pregliasco spiega che le forme allergiche “causano starnuti a salve, con fuoriuscita di liquido trasparente dal naso e dagli occhi”.

Il consiglio dell’esperto? “Non trascurare il problema: se i fastidi si protraggono per più di 4 giorni, è bene rivolgersi al medico per un approfondimento”.

>>Estate africana in vista: quando arriva e come prepararsi ad afa e temperature “infernali” sopra i 40 gradi

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.