Me

Ultimi sondaggi: disappunto M5s, il Pd vola al 22,6% ed è il secondo partito

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 3 Apr. 2019 alle 08:57 Aggiornato il 3 Apr. 2019 alle 09:01
Immagine di copertina

Ultimi sondaggi oggi – L’ultimo sondaggio pubblicato da Ixè per Huffington Post ribalta quello che solo ieri era emerso da un’altra rilevazione, quella di Swg per il Tg La 7 e che parlava di un Movimento Cinque Stelle in recupero sulla Lega e saldamente secondo partito.

> SE NON VISUALIZZI GLI ULTIMISSIMI AGGIORNAMENTI, CLICCA QUI –

Gli ultimi sondaggi politici elettorali aggiornati

Secondo Ixè, che tra il 29 marzo e il 1 aprile ha intervistato un campione di 1000 persone rappresentative in base a genere, età, residenza, grandezza del proprio comune e preferenze di voto nel 2018, alle spalle della Lega (come al solito primo partito d’Italia) non c’è più l’alleato di governo, bensì il Pd.

In un mese, rileva Ixè, il partito guidato da Luigi Di Maio ha perso ben cinque punti percentuali, crollando al 19,1%. Il più basso livello di gradimento degli ultimi quattro anni.

Ed è qui che subentra quello che, sempre ieri, Quorum/YouTrend aveva rilevato per Sky TG24: una vera e propria fuga di elettori dal Movimento. Tra i cittadini che alle ultime elezioni del 2018 avevano appoggiato i grillini, infatti, solo il 47% si dice ancora convinto della propria scelta. Il 35%, invece, dichiara di aver cambiato idea o di essere pentito.

Secondo le stime di Ixè, a beneficiare di questa fuga di elettori pentastellati è stata soprattutto la Lega (6,5%). Il partito di Matteo Salvini resta saldo in testa e guadagna ancora consensi, volando al 31,2%. Nel centrodestra, scende Forza Italia (dal 10 all’8,7%), mentre Fratelli d’Italia al 5% (+0,8%). In totale, il centrodestra unito raggiunge il 45,4% dei voti.

A godere del crollo verticale del M5s, tuttavia, è soprattutto il Pd del neo-segretario Nicola Zingaretti. I dem, infatti, nell’ultimo mese hanno registrato un guadagno di 4,6 punti percentuali, superando il Movimento e attestandosi al 22,6%. Considerando anche la crescita di +Europa (2,5%) e l’1,3% degli altri partiti minori, il centrosinistra sale al 26,4% dei consensi complessivi.