Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:25
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Torino, in arrivo i tornelli a bordo degli autobus

Immagine di copertina

La sperimentazione cambierà anche le modalità di entrata e uscita dai mezzi pubblici

A Torino arrivano i tornelli a bordo degli autobus. Nei primi mesi del 2019, nel capoluogo piemontese, su alcuni mezzi pubblici – per la precisione 20 – verranno installati i dispositivi girevoli che permetteranno il passaggio di una persona alla volta.

Una sperimentazione che cambierà il modo di salire e scendere dagli autobus. I tornelli, infatti, verrano posizionati nella parte anteriore del mezzo, l’unico varco per la salita. Per la discesa i passeggeri dovranno usare le porte centrali e posteriori.

Quali saranno i primi autobus con a bordo i tornelli

Le linee 6 e 19 saranno le prime a modificare il proprio assetto. Presto, però, l’ondata di cambiamento potrebbe coinvolgere anche il resto. In effetti, se la sperimentazione produrrà dei buoni risultati, i tornelli verranno montati su tutte le macchine del Gtt, il Gruppo torinese trasporti.

L’intenzione di Maria Lapietra, assessore ai Trasporti, è quella di ostacolare la salita sui mezzi pubblici ai passaggeri sprovvisti di biglietto. I tornelli, a quel punto, permetteranno di trasferire i controllori sulle linee tranviarie o su quelle servite da bus senza i dispositivi di controllo.

L’esperimento nella Capitale

Atac – l’azienda municipalizzata che gestisce gli autobus di Roma – ha introdotto per breve tempo l’utilizzo dei tornelli sugli autobus, oltre all’ingresso esclusivo dalla porta anteriore.

La sperimentazione è partita a inizio giugno 2018, prima sulla linea periferica 669, poi sulla navetta 51 e, dal 25 giugno, sulla centralissima linea 62, che va dalla Stazione Tiburtina fino a Castel Sant’Angelo, attraversando tutti i luoghi simbolo del centro storico capitolino.

A dare l’annuncio è stata l’assessora alla Mobilità del Comune, Linda Meleo: “Grazie a questa novità, introdotta da Atac, chi non ha il biglietto non può salire a bordo. Questo significa controlli intensificati e costanti”.

La sperimentazione si è svolta in questo modo: ad ogni fermata il conducente ha aperto prima la porta anteriore e ha atteso l’ingresso dei passeggeri; poi la porta posteriore, e ha lasciato scendere chi aveva prenotato la fermata.

A differenza di quanto succede a Londra, le due azioni non sono avvenute contemporaneamente per una questione di “educazione” al nuovo sistema.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI