Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:11
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Toninelli: “Porti chiusi ai migranti? Salvini senza di me non avrebbe potuto fare niente”

Immagine di copertina

Il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, è tornato a parlare della questione migranti e della decisione del governo italiano di chiudere i porti alle navi delle ong. Ma le sue affermazioni fanno discutere la maggioranza giallo-verde.

Ospite del programma Accordi e disaccordi, sul canale Nove, l’esponente del Movimento Cinque Stelle ha analizzato il calo di consensi del suo partito a vantaggio della Lega. La spiegazione, secondo il ministro, sta nel fatto che mentre i pentastellati hanno varato alcuni provvedimenti i cui risultati si vedranno solo sul lungo periodo, gli alleati di governo hanno invece spinto per alcune riforme con un effetto mediatico sicuramente più immediato.

Migranti a Lampedusa, il sindaco a TPI: “I porti sono aperti, le parole di Salvini vengono regolarmente smentite”

È successo con il decreto sicurezza, con Quota 100, ma soprattutto riguardo alle scelte dell’esecutivo sull’immigrazione. Su questo punto, però, Toninelli ha affermato che i meriti della chiusura dei porti italiani non sono da attribuire tutti alla Lega.

“Senza il sottoscritto – ha detto il ministro – Matteo Salvini non avrebbe potuto fare niente, ma io non vado in giro a dirlo, non mi importa nulla. Mi importa che ci sono meno morti, meno barconi che partono dalle coste della Libia”.

Il riferimento è al luglio 2018, quando lo stesso Toninelli annunciava di aver disposto il “divieto di attracco nei porti italiani”. In realtà, però, a quella dichiarazione non è mai seguita l’emissione di un documento ufficiale.

Per questo motivo, dall’estate scorsa il nostro paese ha di fatto quasi sempre rifiutato di fornire alle navi delle ong che soccorrono i migranti in mare l’autorizzazione a sbarcare sulle coste italiane. Al punto da arrivare a impedire lo sbarco anche alle imbarcazioni della nostra Guardia costiera (come nel caso della Diciotti).

I “porti chiusi” ora sono un segreto di Stato

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI