Covid ultime 24h
casi +21.994
deceduti +221
tamponi +174.398
terapie intensive +127

Terremoto L’Aquila, il decimo anno si apre con la causa dello Stato contro i familiari delle vittime

Di Daniele Nalbone
Pubblicato il 12 Gen. 2019 alle 17:09
0
Immagine di copertina

Il 2019 è l’anno in cui ricorre il decimo anniversario del terremoto di L’Aquila. Un anno che si apre con una nuova udienza, che si terrà il 14 gennaio in tribunale, dove pendono ancora le cause che la Presidenza del Consiglio ha intentato contro le famiglie delle vittime.

“Addirittura l’avvocatura dello Stato, che rappresenta la Presidenza del Consiglio, ha chiesto la provvisoria esecuzione per somme da noi familiari contestate in toto. Tutto questo è segno dell’accanimento con cui lo Stato persegue questo giudizio e le famiglie delle vittime del sisma del 2009″.

Questo lo sfogo dell’avvocato Maria Grazia Piccinini, di Lanciano (Ch), mamma di Ilaria Rambaldi, una delle 309 vittime del terremoto dell’Aquila e presidente della Onlus che porta il nome della figlia.

Con a capo Matteo Renzi, la Presidenza del Consiglio ha infatti chiesto la restituzione della provvisionale data in seguito al processo alla commissione Grandi Rischi. Processo che in via definitiva ha visto la condanna dell’ex vicecapo della Protezione civile Bernando De Bernardinis, che ha avuto 2 anni di reclusione per omicidio colposo e lesioni in relazioni alle rassicurazioni infondate date alla popolazione aquilana alla vigilia del sisma.

“Lo Stato, dopo la sentenza di primo grado, in cui erano stati condannati tutti i membri della commissione, aveva elargito delle provvisionali. A seguito dell’assoluzione, in Appello, di 6 dei 7 componenti della commissione, con contemporanea estromissione dal processo di numerose parti civilli costituite, lo Stato, con atto di citazione, ha chiesto indietro i soldi”. Fatti analoghi sono accaduti ai familiari delle vittime della Casa dello Studente.

“Ai tempi del Pd, in sede di Question time” spiega ancora Piccinini “l’onorevole Finocchiaro aveva assicurato che il Governo era intenzionato a trovare una soluzione. Cambiato il Governo, dimenticato tutto”.

E allora “io nel giugno 2018, ho inviato una pec al presidente del Consiglio, Giiuseppe Conte, nella quale lo informavo dell’esistenza di queste cause e chiedevo un incontro per cercare di sistemare la vicenda, anche perché, sin dal primo momento, il premier, nelle sue varie e innumerevoli apparizioni, ha dichiarato di essere ‘l’avvocato degli italiani’ e di voler incontrare le persone che glielo chiedono”. Risposta?Nessuna”.

“Tale pec” dice Piccinini “è stata spedita anche al senatore dei Cinque Stelle, Primo Di Nicola, e neppure da lui ho saputo nulla. Inoltre dal 13 ottobre 2009 langue, chissà dove, una mozione votata all’unanimità dalle forze politiche in Parlamento, che affermava la volontà del Governo di riconoscere lo status di vittime del lavoro ai morti del terremoto del 6 aprile”.

Ebbene, “nonostante io abbia fatto tanto per fare che in modo che si desse seguito a tale disposizione, è stato sempre ribattuto che mancavano i fondi, anche quando i fondi c’erano, erano stati indicati ed identificati. Nessuno si è mai interessato veramente a questa drammatica vicenda, senza prenderci in giro, senza burlarsi di noi e della nostra tragedia”.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.