Me
HomeNews

Esclusivo TPI: Terremoto Centro Italia, vi riveliamo come il governo sta impedendo la ricostruzione

Uffici "spaventosamente sotto organico", lavoratori precari con contratti in scadenza, procedure che si accumulano e tempi che si allungano. Un'inchiesta a puntate di TPI fa luce sui problemi del cantiere più grande d'Europa, quello della ricostruzione dopo il terremoto del Centro Italia

Di Daniele Nalbone e Valerio Nicolosi
Pubblicato il 25 Gen. 2019 alle 12:47 Aggiornato il 24 Ago. 2019 alle 08:12

ESCLUSIVO • The Post Internazionale (TPI.it) di Daniele Nalbone e Valerio Nicolosi – “Con le risorse che ho a disposizione riusciamo a fare 30 decreti a settimana. Un decreto significa dare soldi e il consenso all’apertura del cantiere. Sono 120 in un mese. Approssimando la stima, 1.500 all’anno. Quindi la proiezione solo per dare il via libera a tutti gli interventi necessari per la ricostruzione, ad oggi, è di ben 20 anni”. A fare questi calcoli, davanti alle telecamere di TPI, è Cesare Spuri, direttore dell’Ufficio Speciale per la Ricostruzione (USR) delle Marche.

Venti anni per le autorizzazioni e gli stanziamenti economici contro i dieci promessi dalla politica per ricostruire quell’Italia crollata con lo sciame sismico di agosto 2016 – gennaio 2017. È questa la fotografia che arriva dal “cantiere più grande d’Europa” a due anni dall’ultima, violenta scossa.

“Siamo spaventosamente sotto organico” eppure la politica continua a ripetere che il 2019 dovrà essere l’anno in cui la ricostruzione dovrà andare a regime. I lavoratori degli Usr che abbiamo incontrato ridono. “Se tutto va bene” ci dicono “finirà quando andrete in pensione”. Tradotto, visti i nostri 35 e 37 anni, ce ne vorranno quasi altrettanti.

(Continua sotto la foto)

ricostruzione terremoto marche
Le “casette” di Muccia (Credit: Valerio Nicolosi)

Andando a guardare i numeri ufficiali che ci forniscono dall’Usr delle Marche, dopo le tante denunce raccolte, abbiamo la conferma per la quale ci siamo messi in viaggio: l’ufficio dovrebbe avere un organico di 260 dipendenti. Ma sul campo ce ne sono appena 188, quelli messi a disposizione dal governo con l’attuazione dell’ordinanza commissariale, chiamati a gestire gli uffici di Ascoli Piceno, Ancona, Macerata, Caccamo nel comune di Serrapetrona, e i front office Amandola e Fabriano.

Non solo: di questi 188 all’11 gennaio 2019 erano operativi solo i 57 in comandato dagli enti locali (comuni e Regione Marche) e i 14 dalla presidenza del Consiglio. In queste ore dovrebbero tornare a lavoro i 44 dipendenti assunti tramite Fintecna mentre non si sa che fine faranno i 23 dipendenti Invitalia. La restante parte sono tutti “contratti a somministrazione” delle agenzie interinali, Adecco in testa.

(Continua sotto la foto)

terremoto marche tpi
Il centro storico di Ussita (Credit: Giulia Salvatori)

Ma il problema è tutt’altro che risolto, perché coloro che si stanno occupando della ricostruzione, nelle Marche così come in Lazio, Abruzzo e Umbria, sono in gran parte precari. “Non è solo una questione di diritti dei lavoratori, sia chiaro” ci spiega il direttore dell’Usr Marche ma di “programmazione, di poter essere certi del lavoro da fare. Di stabilità”.

Perché il governo che “tanto parla di tempi certi, trasparenza e competenza nella ricostruzione”, è lo sfogo del presidente dell’Ordine degli architetti pianificatori di Macerata, Vittorio Lanciani, ha commesso “un ‘piccolo’ errore nei primi sette mesi di governo: non si è accorto che una delle sue leggi simbolo, il Decreto Dignità, è diventato un ulteriore ostacolo alla ricostruzione”.

Il riferimento è al tetto inserito dei 24 mesi per i contratti a termine che ha colpito in pieno i professionisti chiamati a ricostruire l’Italia distrutta dal terremoto: 31 dicembre 2016 l’inizio della maggior parte dei contratti dei lavoratori degli Usr; 31 dicembre 2018, quindi, la nuova scadenza.

“Sapevano di questa scadenza a luglio, ad agosto, a settembre, a ottobre, a novembre” denunciano sia Spuri che Lanciani “ma sono arrivati alla giornata di San Silvestro senza nessuna soluzione stabile sul tavolo”.

(Continua sotto la foto)

inchiesta terremoto tpi
Un ragazzo tra le “casette” di Muccia (credit: Giulia Salvatori)

Il risultato è un contratto ponte per alcuni membri dell’Usr – quelli Fintecna – fino al 28 febbraio 2019 e per altri – quelli Adecco – al 30 giugno 2019. “Fortuna che questo è l’anno in cui la ricostruzione dovrebbe andare a regime” sottolinea Lanciani: “A distanza di due anni dalle ultime scosse qui non si è mosso nulla. La struttura commissariale ha ancora una organizzazione centrale che poteva andare bene dopo le scosse del 24 agosto. Il decreto legge (n.189) è del 17 ottobre 2016, quando i comuni del cratere erano 62. Poi, però, ci sono state le scosse del 26 e del 30 ottobre 2016 e quella del 18 gennaio 2017. I comuni terremotati sono saliti a 131 ma il decreto, al netto di qualche ritocco, è rimasto lo stesso”.

Dentro il Rojava, guerra di Siria

Così ogni atto burocratico è diventato un’impresa e il problema, tanto secondo gli Usr che per i cosiddetti progettisti, è dato dalla gran mole di carte necessarie per mandare avanti un qualsiasi progetto: i comuni sono sotto organico, gli Uffici per la ricostruzione altrettanto, le persone che arrivano di volta in volta spendono mesi a formarsi per poi vedere il proprio contratto scadere. “Un valzer pericoloso” commenta Spuri.

> Sisma centro Italia, muffe tossiche sotto le casette per i terremotati: “Qui è tutto marcio”

Dentro il Rojava, guerra di Siria

“Dopo oltre due anni dal Commissariamento è arrivato il momento in cui si deve programmare. Qui c’è da fare un lavoro che durerà almeno dieci anni e non puoi farlo con persone assunte con contratti a tempo determinato. Il commissario queste cose le sa bene, ma ‘queste sono le regole’ e ‘questo c’è scritto sul decreto legge’ sono le uniche risposte che ci arrivano”. Così “si pianifica di anno in anno” ma “fare una ricostruzione con i co.co.pro. non è pensabile. Serve una prospettiva di almeno dieci anni”. Qui “ne va della sopravvivenza di tutto l’apparato”.

Da queste parti tutti si ricordano di quando Matteo Salvini venne nelle Marche con le sue solite felpe di ordinanza. Tra una fetta di ciauscolo e l’incontro con la famosa “nonna Peppina”, promise al sindaco di Visso, Giuliano Pazzaglini, oggi senatore della Lega, che una volta al governo avrebbe gettato le basi per una ricostruzione in “dieci anni”. 

Ma quando si è trattato di spartirsi ministeri e deleghe, il Carroccio ha preferito tenersi ben lontano dal “cantiere più grande d’Italia”. La patata bollente è finita così nelle mani del Movimento 5 stelle (oggi sottosegretario alla Ricostruzione è Vito Crimi; commissario è Piero Farabollini, scelto da Luigi Di Maio in persona). E i numeri dei primi sette mesi di governo sono tutt’altro che di buon auspicio.

I numeri della non ricostruzione

Per tutti è stato il terremoto del Centro Italia. Perché se la stampa prima e la politica poi hanno da subito acceso i riflettori su Amatrice e Norcia, ci si è colpevolmente dimenticati delle Marche e la prova è data dalla decisione, a novembre del 2016 con alla guida l’ex governatore dell’Emilia Romagna, Vasco Errani, di allestire il quartier generale della struttura commissariale a Rieti.

Una scelta che poteva avere senso fino al 30 ottobre 2016. Fino alla scossa di magnitudo 6.5 registrata tra Norcia e Preci (Perugia) ma che ha avuto i suoi effetti più devastanti oltre i monti Sibillini: se prima di quel giorno i comuni del cratere erano 10 nel Lazio, 14 in Umbria, 8 in Abruzzo e 30 nelle Marche, da quel drammatico evento sono diventati 15 nel Lazio, 15 in Umbria, 14 in Abruzzo e ben 87 nelle Marche. “E un baricentro si fa non solo in termini geometrici ma anche di pesi. Rieti non era, non è e non sarà il posto giusto da cui gestire la ricostruzione finché nelle Marche ci saranno oltre 30mila sfollati” commenta il responsabile dell’Usr.

Il risultato è sotto gli occhi di tutti. E sono i numeri a parlare. Gli edifici, dopo il monitoraggio di oltre 106mila costruzioni, potenzialmente ammessi al contributo per la ricostruzione sono circa 46mila. 

Al 14 gennaio, come ci confermano dall’Usr Marche, sono stati emessi decreti per 1.233 progetti (il 35 per cento) per ricostruzione “da danni lievi” su 3.511 presentati; 65 progetti (il 9,2 per cento) per ricostruzione “da danni gravi” su 703 presentati; 14 progetti (il 16,4 per cento) per le attività produttive sugli 85 presentati; concesse 362 autorizzazioni (il 29,5 per cento) per delocalizzazione su 1.227 presentate. 

In totale, quindi, nelle Marche su 5.526 progetti presentati (su 46mila totali, segno dell’affanno in cui sono anche i progettisti) sono “uscite” 1.674 ordinanze: poco più del 30 per cento. Considerando la stima fornita dal direttore responsabile dell’Usr di 30 decreti a settimana, solo per terminare queste pratiche servirebbero 917 giorni. Più o meno due anni e mezzo. 

Seconda puntata – Le voci della non ricostruzione

Nella seconda puntata della nostra inchiesta siamo andati nelle Marche, tra le famiglie in attesa di una vera ricostruzione. L’altra faccia della medaglia sono i cosiddetti “terremotati”, le migliaia di famiglie in attesa di una vera ricostruzione. Li abbiamo incontrati in un viaggio tra i comuni “dimenticati” del cratere marchigiano: Amandola, Tolentino, Muccia, Ussita, Visso [qui la seconda puntata dell’inchiesta].

“Per la politica siamo persone, siamo ‘terremotati’, gente sfortunata, a cui tendere una mano quando fa comodo a livello elettorale e non da coinvolgere e ascoltare per una vera ricostruzione”.

Si sentono “terra di consenso” e “materiale mediatico”. Un esempio: “Quanti esponenti politici mettono noi in contrapposizione con i migranti? Il famoso slogan ‘i migranti negli hotel e i terremotati nelle baracche’ è la cosa che ci fa più male. Perché lì si tratta di salvare vite. E salvare una vita viene prima della ricostruzione di una casa”.

LEGGI ANCHE: “Camminando tra le macerie del terremoto delle Marche mi è sembrato di tornare ad Aleppo”