Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

La Lega realizza uno spot, “Prima gli italiani”, ma le immagini sono di una famiglia americana e di un gruppo di haitiani in Perù

Immagine di copertina
Spot della Lega in Toscana (Immagine: Matteo Lenardon)

Il manifesto è stato pubblicato dal Carroccio su varie testate

Durante la campagna elettorale per le elezioni politiche del 4 marzo 2018, ma anche con il governo in azione, gli esponenti della Lega e il loro segretario, Matteo Salvini, hanno continuamente affermato: “Prima gli italiani”.

Uno slogan molto chiaro e che in Toscana – una volta rossa – il partito ha tenuto a ribadire con delle immagini spot pubblicate persino sui giornali. “La Toscana sinistra pensa prima agli immigrati. La nostra Toscana pensa prima agli italiani”, si legge sopra le due fotografie: da una parte una famiglia affettuosa e rigorosamente bianca, dall’altra un gruppo di migranti seduti in un parco.

Peccato che né la famiglia, né i migranti sono stati immortalati in Italia. Infatti, i due genitori sorridenti con i figli sono americani, mentre gli immigrati si trovavano in Perù.

Matteo Lenardon, blogger, è stato il primo a notare le incongruenze. Su Twitter, a tal proposito, ha scritto: “Nel manifesto della Lega gli immigrati che bivaccano aiutati sono haitiani che vivono a Inapari, Perù, a 10743 chilometri dalla Toscana. La ‘famiglia italiana’ è di Phoenix, Arizona, e stanno a 9686 chilometri. La propaganda della Lega: creare una realtà che non esiste”.

Il Carroccio, dunque, è stato “smascherato”. L’immagine con i migranti è stata usata più e più volte dal 2018 e in momenti differenti: è stata realizzata da Mariana Bazo nel 2012. Quella della famiglia felice è presente dal 2015 su un sito di fotografie e si contano più di 10mila download per l’immagine, ha rivelato il Corriere fiorentino.

“Cari amici della Lega, visto che vi ostinate a scrivere #primagliitaliani nelle vostre pseudo-pubblicità, sappiate che se poi mettete la foto di una famiglia di Phoenix non fate una gran figura. L’apparenza “ariana” a volte non basta, sapete?”, ha commentato sui social Antonio Mazzeo, consigliere regionale del Partito democratico.

Il Corecom – comitato regionale per le comunicazioni – comunque, ha assicurato che il Carroccio ha usato soldi pubblici legittimamente per creare lo spot.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI