Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 14:06
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Trento, operaio ed ex sindacalista perseguitato dal vicino di casa: “Ogni volta che mi incontra canta Faccetta Nera”

Immagine di copertina

Se nel noto film di Lina Wertmüller i protagonisti erano un metalmeccanico e una parrucchiera, a Trento al centro di un episodio di cronaca che ha fatto parlare di sé si sono ritrovati un sindacalista e il suo vicino di casa. E se nella pellicola diretta dalla regista italiana, Metalmeccanico e parrucchiera in un turbine di sesso e politica, si raccontavano le vicende di un operaio comunista invaghito di una parrucchiera leghista, nel capoluogo del Trentino Alto-Adige un sindacalista socialista è stato perseguitato sul vicino di pianerottolo che, ogni volta che lo incontrava, iniziava a cantare “Faccetta nera”.

Il repertorio era sempre lo stesso e non cambiava in nessuna occasione. Ogni volta che i due uomini si incrociavano nell’androne del palazzo sul Lung’Adige, oppure per le scale, all’uomo che per anni si era battuto per difendere i diritti dei lavoratori toccava sentire l’odiata canzone “Faccetta Nera”, come riportato dal Giornale del Trentino.

All’inizio il vecchio sindacalista, ed ex operaio della Michelin, ha provato a reagire ma la strategia non è stata vincente: galvanizzato dalle reazioni del socialista, il vicino di casa cantava sempre più forte. Ha poi provato con il gioco del silenzio, cambiando tattica, ma nemmeno il nuovo piano di attacco ha funzionato.

Stremato, ha deciso di rivolgersi a un avvocato per tendere una denuncia per stalking nei confronti del vicino.

“Non tollero queste provocazioni e vorrei che smettesse. Se non lo farà sarò costretto ad andare fino in fondo e a trascinarlo in Tribunale. Ormai sono arrivato al punto di dover cambiare strada quando lo vedo da lontano per non sentire quella provocazione”, ha raccontato.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI