Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:40
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Carlo Sibilia: “Preferite Banfi all’Unesco o Renzi presidente”? L’ex premier stravince con l’84 per cento

Immagine di copertina
Il sondaggio lanciato su Twitter da Carlo Sibilia

Il sottosegretario M5s ha lanciato la consultazione su Twitter, ma il risultato non è stato quello da lui sperato

Non è andato come sperava il sondaggio lanciato dal sottosegretario M5s Carlo Sibilia.

Poco dopo la nomina di Lino Banfi come rappresentante nella commissione italiana per l’Unesco, Sibilia ha lanciato su Twitter questa consultazione popolare forse per dimostrare che, a dispetto delle polemiche, la scelta di Banfi gode del sostegno popolare.

Per validare la sua tesi, il pentastellato famoso per le sue uscite complottiste (tra le altre cose è scettico sullo sbarco dell’uomo sulla Luna) ha pensato che il metodo più semplice fosse quello di chiamare in causa l’ex premier Matteo Renzi.

È un personaggio ormai caduto in disgrazia, avrà pensato Sibilia, chi meglio di lui per dimostrare che gli italiani apprezzano la scelta di Banfi all’Unesco?

Ecco allora che Sibilia ha lanciato il sondaggio: “#LinoBanfi alla commissione UNESCO in un’Italia con il #RedditoDiCittadinza o Renzi presidente del consiglio? Con uno sapete già come è finita…”, ha scritto


A sorpresa, però, il popolo della rete si è mobilitato in favore dell’ex presidente del Consiglio, che dopo circa 20 ore dal lancio del sondaggio ha raccolto ben l’84 per cento delle preferenze.

Lino Banfi, dal canto suo, si è fermato a un modesto 16 per cento.

Una doccia fredda per il sottosegretario M5s, e che deve far sorgere una domanda: l’idea di puntare su una figura dal profilo intellettuale discutibile (come del resto lo stesso Banfi ha candidamente ammesso), a un simbolo del cinema d’intrattenimento, per una carica di quel tipo è davvero una scelta apprezzata dagli italiani?

O, forse, i cittadini stavolta hanno trovato eccessivamente nazionalpopolare la mossa dei grillini?

Banfi all’Unesco: cosa farà concretamente

Al netto dell’ironia che ha accolto la nomina, cosa farà concretamente il famoso comico all’Unesco? Di Maio non ha precisato con quale ruolo Banfi, 82 anni, farà parte della commissione, che è presieduta dal 2016 da Franco Bernabè, manager di lungo corso con un passato in Eni e Telecom.

Il compito della Commissione è però chiaro: “Favorire  la promozione, il collegamento, l’informazione, la consultazione e l’esecuzione dei programmi Unesco in Italia”.

È la Convenzione di Londra del 16 novembre 1945 a stabilire che tutti i 195 Paesi membri dell’Unesco istituiscano tali commissioni.

Banfi sarà quindi – sicuramente – chiamato a partecipare alla messa in atto delle strategie generali elaborate dall’Assemblea in stretto contatto con la Rappresentanza Diplomatica Permanente d’Italia presso l’Unesco.

Tra i compiti della Commissione di cui Lino Banfi farà parte ci sono:

– fornire pareri e raccomandazioni al Governo e alle pubbliche amministrazioni sull’elaborazione e valutazione dei programmi Unesco

– collaborare con gli organi competenti per l’esecuzione delle decisioni prese alla Conferenza generale dell’Unesco (che si svolge ogni due anni);

– produrre documenti e pubblicazioni periodiche per diffondere informazioni su principi, obiettivi ed attività dell’Unesco;

– pubblicizzare le problematiche trattate dall’Unesco;

– organizzare e promuovere incontri, convegni, corsi e altre attività di formazione e di studio nelle materie di competenza dell’Unesco.

Al momento è praticamente certo l’impiego di Lino Banfi come “testimonial” dell’Italia e degli eventi culturali organizzati e patrocinati dall’Unesco.

Sarà Alberto Bonisoli, ministro delle Cultura, l’esponente del governo con cui Lino Banfi sarà chiamato a interfacciarsi soprattutto per quanto concerne le future candidature alla lista del patrimonio mondiale.

La Commissione nazionale italiana per l’Unesco (CNIU) trasmette, infatti, le candidature approvate al Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo per chiedere le valutazioni di merito e per perfezionare il dossier della candidatura.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI