Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:09
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » News

Recessione economica, Conte: “Il 2019 sarà un anno bellissimo”. Confindustria lo smentisce

Immagine di copertina

Il premier Conte si dice positivo sul futuro dell'Italia nonostante i dati dell'Istat secondo cui il paese è in recessione economica

Si apre lo scontro tra il premier Giuseppe Conte e Confindustria dopo l’annuncio dell’Istat che l’Italia è ufficialmente in recessione tecnica.

“Ci sono tutte le premesse per un bellissimo 2019 e per gli anni a venire”, è stato il commento del presidente del Consiglio in un’intervista al programma  Povera Patria di Rai2. “L’Italia ha un programma di ripresa incredibile. C’è tanto entusiasmo e tanta fiducia da parte dei cittadini e c’è tanta determinazione da parte del governo”.

La risposta di Confindustria ha smentito però le parole del premier. Secondo gli industriali infatti l’Italia “perde colpi ipotecando il 2019. I dati negativi in Italia nella seconda metà del 2018 aritmeticamente contano molto nel calcolare la crescita annua del Pil nel 2019: il trascinamento è -0,2 per cento”.

Questo quanto si legge nella Congiuntura flash del Centro Studi di Confindustria, che prosegue: “La dinamica a inizio 2019 sarà debole. Il Pmi manifatturiero a gennaio cade molto sotto soglia 50, nei servizi è poco sopra, la produzione è stimata quasi piatta. Anche se il Pil risalisse dal secondo trimestre è alta la probabilità di una crescita annua poco sopra lo zero”.

Il messaggio di Confindustria però non ha fermato l’entusiasmo del premier, che agli Stati generali delle coop poche ore dopo ha ribadito che “non c’è motivo di perdere la fiducia. Le misure della manovra non sono ancora entrate in vigore. Il futuro dell’Italia lo stiamo creando adesso, abbiamo varato una manovra espansiva con un piano di ammodernamento delle infrastrutture. Non siamo degli sprovveduti”.

La recessione tecnica – L’Italia è ufficialmente in recessione tecnica, secondo i dati forniti il 31 gennaio 2019 dall’Istat: nel IV trimestre la crescita è sceso dello -0,2 per cento rispetto al trimestre precedente. Frena quindi la crescita economica: nel 2018 il Pil è cresciuto dell’1 per cento, mentre nel 2017 aveva registrato un +1,6. Qui abbiamo spiegato cos’è la recessione tecnica e cosa significa.

Ti potrebbe interessare
Economia / Bollette, nuovo decreto contro il caro energia. Draghi: “Evitati aumenti fino al 45%”
Economia / Investire nel 2022 puntando sulla consulenza evoluta: le risposte di BNL BNP Paribas
Economia / Fame zero e corretta nutrizione nell’obiettivo di BG4SDGs – Time To Change, il progetto fotografico di Banca Generali e Stefano Guindani
Ti potrebbe interessare
Economia / Bollette, nuovo decreto contro il caro energia. Draghi: “Evitati aumenti fino al 45%”
Economia / Investire nel 2022 puntando sulla consulenza evoluta: le risposte di BNL BNP Paribas
Economia / Fame zero e corretta nutrizione nell’obiettivo di BG4SDGs – Time To Change, il progetto fotografico di Banca Generali e Stefano Guindani
Economia / Gli imperi sportivi più ricchi del mondo, tra Europa e America
Economia / La Russia è vicina al default: le sanzioni bloccano i pagamenti sui bond in dollari ed euro
Economia / Smart working, diritti Lgbt, parità di genere: ecco chi è Melissa Peretti, il nuovo capo di Google in Italia
Economia / Aeroporti: “Entusiasmo e speranza per ripartire e tornare a vivere”
Cronaca / Gas, prezzi alle stelle dopo gli stop russi alle forniture: oggi +20%
Lavoro / illimity lancia b-ilty: il primo Business Store Digitale dedicato alle PMI
Economia / Russia, Gazprom taglia il gas all’Italia senza preavviso: riduzione del 15%