Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:28
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Salone del Libro, Mughini contro la “censura” al libro di Salvini edito da CasaPound

Immagine di copertina
Giampiero Mughini

Salone del libro 2019 – Mentre continuano le polemiche su Salone del Libro, Salvini e fascismo, anche Giampiero Mughini dice la sua e si scaglia contro coloro che, secondo lui, promuovono la censura in nome dell'”antifascismo”.

“Resto allibito innanzi alle polemiche scaturite dal fatto se sì o no al Salone del Libro di Torino sarebbe stato presentato un libro/intervista di Matteo Salvini edito da una casa editrice attigua a Casa Pound. Credevo che schifezze di questo genere, cui ero abituato nella mia giovinezza, fossero fuori dal nostro tempo” ha scritto su Dagospia il giornalista siciliano un tempo vicino a Lotta Continua.

Salone del Libro di Torino 2019: al via la più importante manifestazione italiana nel campo dell’editoria

Un libro di corsa

Il bersaglio di Mughini è, in particolare, lo scrittore Christian Raimo, autore di numerosi libri e membro del comitato editoriale del Salone del Libro di Torino. In un post su Facebook poi cancellato (ma riportato da Il Corriere della Sera) Christian Raimo contestava l’eventuale presentazione del libro su Matteo Salvini (Io sono Matteo Salvini) al Salone del Libro, giudicando pericolosa la vicinanza della casa editrice Altaforte a CasaPound e quindi al neofascismo.

Contrario a questa forma di “settarismo”, Mughini ha commentato: “Leggo un post culturalmente miserevole di uno degli organizzatori del Salone, lo scrittore Christian Raimo, il quale vorrebbe mettere fuori gioco tutti quelli che lui giudica intinti nella salsa del ‘fascismo’ , dal giornalista Francesco Borgonovo (mio vecchio amico) ad Alessandro Giuli allo stesso Pietrangelo Buttafuoco, che una colpa in verità ce l’ha. I suoi scritti sono dieci volte più sugosi e stimolanti di quelli di Raimo”.

Il Salone del Libro di Torino rifiuta il libro di Salvini

L’ex attivista di Lotta Continua rimprovera a Raimo (e in generale ai cosiddetti “antifascisti” contemporanei) di offendere il vero spirito dell’antifascismo, che si basava proprio sul lasciare spazio a tutti gli interlocutori secondo il vecchio affondo: “Darò la vita perché tu possa esprimere le tue idee anche se non le condivido”.

“Casa Pound ha tutto il diritto di avere una casa editrice e di pubblicare i libri che vuole, che giudicheremo di volta in volta”, ha affermato Giampiero Mughini.”Quanto poi al voler schiacciare la fisionomia di Matteo Salvini su quella del fascismo italiano 1922-1943 (quello successivo è tutt’altra cosa, è il tempo di una guerra civile) è veramente da analfabeti. Magari fosse così semplice identificarlo, e dunque così semplice contrastarlo”, continua Mughini, noto fra le altre cose per aver abbracciato -per poi distaccarsene- gli ideali della sinistra italiana.

“Sì, sono fascista”: parla l’editore del libro di Salvini

In seguito alle pesanti critiche di cui è stato l’oggetto, Christian Raimo si è dimesso dal ruolo di membro del comitato editoriale del Salone del libro, di cui era un attivo membro. In un altro post su Facebook, il giornalista ha scritto:

“Ho deciso di presentare la mie dimissioni dal gruppo dei consulenti per proteggere il Salone del Libro di Torino dalle polemiche che hanno fatto seguito a un mio post, pubblicato a titolo strettamente personale.

Il Salone del Libro di Torino è uno spazio di libertà, di dibattito e confronto di idee, di cultura e di apertura, di molteplicità e democrazia. È il risultato del lavoro appassionato e della dedizione di centinaia e centinaia di persone. È importante per il paese e appartiene a tutti.

Salvini non può proclamarsi apertamente fascista, e allora che fa? Pubblica un libro con CasaPound

“Con queste dimissioni testimonio il mio sincero e profondo rammarico per una presa di posizione individuale che, ben al di là delle mie intenzioni, potrebbe, ma a nessun costo deve, risultare fuorviante rispetto a ciò che il Salone del Libro è da oltre trent’anni, e vuole essere oggi e in futuro”

salone libro mughini raimo
Christian Raimo, Facebook
Ti potrebbe interessare
Cultura / Morto Roberto Calasso, padre della casa editrice Adelphi
Cultura / Jasmin. Una storia da raccontare: un libro per ricordare e riflettere
Cultura / Il regresso dell’amore filiale
Ti potrebbe interessare
Cultura / Morto Roberto Calasso, padre della casa editrice Adelphi
Cultura / Jasmin. Una storia da raccontare: un libro per ricordare e riflettere
Cultura / Il regresso dell’amore filiale
Cultura / A Vieste con Il libro possibile (XX edizione) per la seconda tappa del Festival su letteratura, legalità, scienza, attualità e musica
Cultura / La classifica aggiornata delle università italiane: Bologna l’ateneo col punteggio migliore
Cultura / “Il caso Crespi”, il libro sul caso che ha coinvolto il regista Ambrogio Crespi. La prefazione di Alfonso Giordano
Cultura / Cyclonopedia, l’entropico saggio di Reza Negarestani che racconta un mondo sconvolto
Cultura / Premio Strega, il vincitore è Emanuele Trevi con “Due vite”
Cultura / Il rider bullizzato, la ragazza palpeggiata e quella cultura machista che fa ammalare alcuni tifosi (di I. Melio)
Cultura / La letteratura attraverso gli occhi di un grande scrittore, con Alessandro Baricco