Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 17:04
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

“Sì, sono fascista”: parla l’editore del libro di Salvini

Immagine di copertina
Credit: Google

Ospite dell’emissione Un Giorno da Pecora su Radio 1, l’editore della casa editrice Alta Forte, Francesco Polacchi, ha rilasciato dichiarazioni che fanno discutere.

Polacchi è stato invitato per parlare del libro su Matteo Salvini edito da Alta Forte, che uscirà il prossimo 9 maggio, e per smentire (o confermare) una vicinanza della casa editrice con CasaPound.

Salvini non può proclamarsi apertamente fascista, e allora che fa? Pubblica un libro con CasaPound

“Il libro è un’intervista esclusiva, ci sono delle cose simpatiche e carine, che riguardano sia la sua vita privata che quella politica. Sono 100 domande stilate dalla giornalista Chiara Giannini. Uscirà il 9 maggio e lo presenteremo al Salone del Libro di Torino”.

Alla domanda diretta se Alta Forte sia o meno la casa editrice di CasaPound, Polacchi ha poi risposto risposto ammettendo di essere un fervente sostenitore del partito neofascista ma di distinguere le sue convinzioni personali dalla sua attività imprenditoriale, considerandosi piuttosto un “piccolo Berlusconi”.

Il libro-intervista di Salvini sarà pubblicato dalla casa editrice di CasaPound

“È improprio dire che il libro di Salvini sarà pubblicato dalla casa editrice di CasaPound perché si tratta di un’attività privata”. Esiste poi una linea editoriale di Alta Forte, che, afferma il direttore, è dichiaratamente sovranista.

E poi, l’affondo: “Io sono fascista sì, e lo sono nell’unico senso possibile”

“Insomma, se si dice che il libro di Salvini viene pubblicato da una casa editrice con tendenze fasciste, cosa risponde?”, viene chiesto al capo editore, che risponde: “Dico che secondo me è sbagliato, noi esprimiamo una linea editoriale sovranista. Io, su me stesso, mi mordo la lingua. Ci sono tante cose che si potrebbero dire e raccontare anche di altri periodi storici, noi cerchiamo di non trattarli, per una mia scelta editoriale”.

Polacchi ha infine precisato di non avere mai avuto nessun tipo di contatto con il Ministro dell’Interno.

Ti potrebbe interessare
Economia / Nessuno ne parla ma anche Draghi ebbe un ruolo decisivo nel crack Mps
Politica / Lettera a TPI: “La Logica cinica e perversa della riforma Cartabia”
Politica / L'ultimatum di Salvini a Draghi: "Il governo fermi gli sbarchi oppure sostenerlo sarà un problema"
Ti potrebbe interessare
Economia / Nessuno ne parla ma anche Draghi ebbe un ruolo decisivo nel crack Mps
Politica / Lettera a TPI: “La Logica cinica e perversa della riforma Cartabia”
Politica / L'ultimatum di Salvini a Draghi: "Il governo fermi gli sbarchi oppure sostenerlo sarà un problema"
Opinioni / Statuto M5s, Conte al bivio: "Se non ottiene un plebiscito la sua leadership va già in crisi" (di M. Antonellis)
Politica / Berlusconi incorona Salvini come leader del centrodestra
Politica / Green pass per i trasporti (ma da settembre), vaccini obbligatori per il personale scolastico
Opinioni / Renzi vuole abolire il reddito di cittadinanza, ma lui non ha mai dovuto cercare un lavoro in vita sua (di L. Telese)
Politica / Michele Santoro al TPI FEST! 2021: “Vi dico la verità sulle stragi di Mafia”
Politica / Gualtieri al TPI Fest: “Zingaretti mi chiese di candidarmi a Sindaco già lo scorso autunno”
Politica / Salvini dal Papeete: “Conte odia Draghi e Letta gli fa da palo”