Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 20:40
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

La multa non ferma Ryanair: nessun dietrofront sui bagagli a mano

Immagine di copertina

Una guerra a suon di valigie. E Ryanair è convinta di poterla vincere a mani basse.

La storia è questa: due compagnie low cost, Ryanair e Wizz Air, sono state multate per la loro politica sui bagagli a mano. L’Antitrust, l’autorità garante per la concorrenza ed il mercato, aveva avviato due procedimenti istruttori nel 2018, che si sono conclusi con una multa complessiva da 4 milioni di euro.

Secondo l’Antitrust, le modifiche apportate alle regole di trasporto del bagaglio a mano grande, il trolley, “costituiscono una pratica commerciale scorretta e le compagnie devono pagare per questo”.

> Qui abbiamo spiegato il procedimento dell’Antitrust

Ma Ryanair non si da per vinta. David O’Brien, capo del commercial office, è persuaso di avere in mano carte sufficientemente buone per poter vincere un ricorso contro l’Antitrust. “Faremo appello e crediamo che avremo successo. Una decisione della Corte di giustizia europea del 2014 ha sentenziato che il passeggero debba poter prendere con sé preziosi e indispensabile, e credo ci dia ragione, perché penso che 20 cm per 25 per 40 sia uno spazio sufficiente per l’indispensabile”, ha spiegato il numero uno della compagnia.

Poi O’Brien ha aggiunto: “Ogni passeggero in ogni compagnia aerea paga per il bagaglio, semplicemente nel caso nel Ryanair noi scorporiamo ogni servizio per dare al passeggero la scelta”.

Per il momento le policy sui bagagli non cambieranno, in attesa del giudizio dell’autorità garante per la concorrenza, il manager irlandese ha dichiarato:”Dobbiamo decidere, vedremo cosa dicono i nostri legali. Ma non vogliamo creare confusione”, ha detto.

Ryanair non ha neanche paura della possibile collaborazione di Alitalia con EasyJet. “Il nostro modello di business non è far prendere due aerei alle persone per andare da qualche parte”, ha detto O’Brien, con un riferimento piccato al fatto che quello di Alitalia e Easyjet sarebbe un modello caratterizzato da più voli indiretti.

Chi vincerà la guerra dei bagagli a mano?

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI