Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

La risposta beffarda di un vignettista italiano a Charlie Hebdo

Immagine di copertina

Il fumettista Ghisberto ha pubblicato una contro-vignetta per prendersi gioco di Charlie Hebdo, con la stessa immagine della morte superata da un uomo del Soccorso alpino

A due giorni dalla slavina che ha colpito l’hotel Rigopiano nel pescarese, e che ha scosso l’Italia intera, il giornale satirico Charlie Hebdo, ha pubblicato una vignetta che ha fatto indignare moltissimi italiani. Numerosi sono stati infatti i commenti polemici rivolti al giornale attraverso la sua pagina social.

L’immagine raffigura la morte che scende dalla montagna su degli sci impugnando due falci al posto delle racchette. La didascalia è: “Italia: è arrivata la neve”, e la morte esclama “Non ce ne sarà abbastanza per tutti!”, riprendendo una frase solitamente usata quando si parla di promozioni, saldi e simili.

Un vignettista italiano, Ghisberto, ha pubblicato una contro-vignetta satirica per prendersi gioco dell’illustrazione di Charlie Hebdo, con la stessa immagine della morte sugli sci, superata però da un uomo del Soccorso alpino italiano.

Negli ultimi giorni i soccorritori dei vari corpi italiani, hanno infatti fornito un aiuto essenziale in una situazione di estremo disagio nelle regioni sommerse dalle straordinarie nevicate, e in particolare per estrarre i corpi, di cui 9 fortunatamente vivi, rimasti intrappolati nell’hotel Rigopiano dopo la slavina. 

Stessa storia di quella avvenuta pochi giorni dopo il terremoto di Amatrice del 24 agosto, quando Charlie Hebdo aveva pubblicato una vignetta per la quale moltissimi italiani si erano sentiti offesi. 

Sull’ultima pagina del giornale compariva infatti un’immagine intitolata “Terremoto all’italiana: penne al sugo, penne gratinate, lasagne”, in cui sotto al testo si vedono un uomo e una donna sporchi di sangue e una pila di cadaveri sepolti sotto diversi strati di macerie, che era valsa anche una querela al giornale da parte del comune di Amatrice, per diffamazione aggravata. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI