Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 15:45
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Rimini, studentessa violentata: denunciato un cittadino pakistano di 43 anni

Immagine di copertina

L'uomo lavora presso una rosticceria dove la 23enne era entrata per mangiare un kebab. È stato denunciato per violenza sessuale e sequestro di persona

Una studentessa 23enne di Rimini si è rivolta ai medici del Pronto Soccorso dell’Ospedale ‘Infermi’ raccontando di essere stata violentata e segregata in casa per una notte da un cittadino pakistano.

I medici avrebbero riscontrato ecchimosi e lividi compatibili con il suo racconto e hanno segnalato il caso alla polizia, che ha inviato sul posto una volante.

Grazie alla sensibilità e all’intuizione di un ispettore donna si è potuto ricostruire nel dettaglio la vicenda.

L’uomo, identificato in un cittadino pakistano 43enne, con regolare permesso di soggiorno, è stato denunciato a piede libero dalla polizia per violenza sessuale e sequestro di persona.

La ragazza, di ritorno a casa in treno da Ravenna, venerdì sera è entrata a comprare un kebab in una rosticceria poco lontano dalla stazione ferroviaria.

L’uomo dietro al bancone, dopo averle servito un panino, l’avrebbe invitata a seguirlo a casa con la scusa di un massaggio.

La ragazza, stando a quanto lei stessa ha raccontato agli agenti, prima ha rifiutato l’invito e poi si è fatta convincere ed ha seguito l’uomo fino ad un appartamento dove questi l’avrebbe violentata e costretta in casa per tutta la notte.

Il caso di Desirée

Lo stupro di Rimini avviene a pochi giorni di distanza dall’omicidio di Desirée Mariottini, la 16enne violentata e uccisa nel quartiere romano di San Lorenzo, per il quale sono stati fermati quattro immigrati irregolari.

Ci sarebbe anche un pusher italiano tra i responsabili della morte di Desirée, morta nella notte tra il 16 e il 17 ottobre.

Ne sono convinti gli inquirenti, che ora sono sulle tracce di questo presunto complice.

Il pusher italiano avrebbe fornito agli altri aggressori gli stupefacenti con cui Desirée è stata drogata, aiutandoli quindi a compiere l’omicidio.

Inoltre, i migranti irregolari avrebbero drogato e poi violentato Desirée non hanno fatto nulla per aiutarla, impedendo persino che fosse soccorsa.

È la versione fornita da alcuni testimoni che avrebbero riferito di una frase choc pronunciata da Brian Minteh, Alinno Chima e Yousif Salia (fermato successivamente a Foggia), tre dei quattro accusati dello stupro e dell’omicidio della ragazzina.

“Meglio che muore lei che noi in galera”, avrebbero detto i presunti autori del delitto.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI