Covid ultime 24h
casi +23.225
deceduti +993
tamponi +226.729
terapie intensive -19

L’Italia è al terzultimo posto in Europa nella lotta alla corruzione

Lo rivela un rapporto di Transparency International. Dietro il nostro paese solo Bulgaria e Grecia. L'Italia è al sessantesimo posto su 176 nazioni prese in esame

Di Giuseppe Loris Ienco
Pubblicato il 10 Ott. 2017 alle 18:17
0
Immagine di copertina

Martedì 10 ottobre l’associazione Transparency International Italia ha presentato il report intitolato Agenda anticorruzione 2017, un quadro sui dati sulla corruzione in Italia nell’ultimo anno.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

I risultati per il nostro paese non sono certo incoraggianti. L’Italia infatti risulta al sessantesimo posto su 176 nazioni prese in esame, e addirittura al terzultimo tra quelle europee, davanti solo a Grecia e Bulgaria.

Nonostante il buon livello delle leggi italiane in materia di corruzione, sono state riscontrate gravi lacune per quanto riguarda la loro applicazione.

La lotta alla corruzione in Italia va quindi a due velocità: sufficiente l’apparato normativo, valutato con 62 punti su 100; insufficiente quello sanzionatorio, con soli 45 punti sui 100 disponibili.

In seguito alla reintroduzione del falso in bilancio, la situazione di sistema antiriciclaggio (75 punti su 100) e obblighi di trasparenza a livello contabile (89 punti su 100) è nettamente migliorata.

I problemi principali dipendono essenzialmente da due fattori: la “mancanza di tutele per chi segnala casi di corruzione”, anche detti whistleblowers, e “l’assenza di una regolamentazione delle attività di lobbying”.

Virginio Carnevali, presidente dell’associazione, ha invitato le istituzioni a fare di più per superare queste lacune.

“Iniziamo a riempire il vuoto legislativo sul whistleblowing e sul lobbying, poi concentriamo sforzi e risorse per applicare più efficacemente le tante e buone leggi che abbiamo”, ha detto Carnevali.

Su questi temi è intervenuto anche Raffaele Cantone, presidente dell’Anac, che ha detto: “Spero che una legge efficace che tuteli chi segnala i casi di corruzione possa arrivare in questa legislatura”

Secondo Cantone, per ottenere risultati concreti è necessario non adottare alcuna “logica sfascista”.

In base alle rilevazioni effettuate da Transparency International Italia, i casi di corruzione riportati dai media dall’inizio dell’anno al 30 settembre 2017 sono 566: 439 si riferiscono a indagini, 76 a condanne, 27 ad assoluzioni, dieci a intervenute prescrizioni e otto a patteggiamenti.

Di corruzione se ne parla tanto, ma non in maniera efficace. I media e la società civile non riescono ad avere un ruolo forte nel promuovere la lotta a questo fenomeno. Vengono infatti bocciati dall’Agenda anticorruzione 2017 con una valutazione di 42 punti su 100.

L’associazione ha criticato soprattutto la mancanza di approfondimenti e campagne mediatiche sul tema.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.