Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Reddito di cittadinanza: la maggior parte dei richiedenti sono stranieri e over 50, pochi i giovani

Immagine di copertina

Sono stranieri e over 50 i principali beneficiari del reddito di cittadinanza, il nuovo sussidio economico di contrasto alla povertà messo in campo dal M5s e vincolato alla sottoscrizione del Patto per il Lavoro e, quindi, alla ricerca attiva di un impiego.

Sul RdC – contenuto nel “decretone” insieme a Quota 100 – si sono levate diverse voci critiche sia in seno alla maggioranza che all’opposizione, le quali hanno spesso additato il sussidio come un incentivo per i giovani a rimanere a braccia conserte sul “divano”.

L’impatto che il RdC avrebbe avuto su chi appartiene a una fascia di età giovane, infatti, è stata una delle questioni più dibattute, motivo per cui stupisce sapere che, in realtà, questa è la platea dalla quale sono giunte meno domande.

A richiedere il reddito di cittadinanza sono per lo più over 50 con una situazione lavorativa precaria e in cerca di stabilità; in queste prime settimane di partenza della nuova misura, quindi, il trend ha disatteso le previsioni, almeno sotto questo profilo.

Reddito di cittadinanza 2019: il modulo Inps in pdf da scaricare gratis e le istruzioni per compilarlo

Oltre gli over 50, poi, a fare richiesta del beneficio sono anche tanti stranieri, i quali godono di tutti i requisiti necessari: 10 anni di residenza continuativa in Italia e un reddito Isee entro i limiti stabiliti.

A quanto si apprende dai dati diffusi dalla Consulta Nazionale dei Caf, infatti, dal giorno di partenza della nuova misura – quindi dal 6 marzo – solo il 6,8 per cento degli under 30 ha presentato domanda. Tale percentuale cresce leggermente al Sud Italia, dove i giovani a richiedere il RdC sono stati il 10,3 per cento. Una differenza abbastanza evidente con il Nord, dove invece gli under 30 a presentare la propria domanda sono stati il 4,7 per cento, mentre al centro ci si abbassa di nuovo al 3,2 per cento.

A fornire una spiegazione di questo trend è stato Paolo Conti, Direttore dei Caf Acli: “Gli under 30 risulteranno più spesso inseriti nel nucleo familiare dei genitori,e quelli che fanno nucleo a sé hanno già probabilmente una fonte di reddito e quindi non presentano la domanda.”

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI