Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:52
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » News

“Vai via, questo non è l’ufficio del veterinario”, italo-senegalese respinto alla Asl

Immagine di copertina
Ibrahima Diop

Ibrahima Diop, 39 anni, nato in Senegal ma in Italia dal 2000, è stato vittima di un brutto caso di razzismo all’interno di una Asl dove si era presentato per chiedere delle informazioni.

“Dovevo rinnovare il libretto sanitario – ha raccontato -, volevo sapere soltanto quali fossero i documenti da portare agli uffici dell’azienda sanitaria locale”. Ma alle sue domande un solerte impiegato lo ha pesantemente insultato: “Che vuoi? Vattene. Questo non è l’ufficio del veterinario…”, si è sentito urlare contro Ibrahima.

Parole pesanti che hanno spiazzato e amareggiato l’uomo che lavora a Roseto (Abruzzo) e si è perfettamente integrato nella cittadina dove ha pure trovato moglie, un’italiana, e preso la cittadinanza.

“Un esempio di perfetta integrazione” dicono gli amici abruzzesi. In diciott’anni non ha mai ricevuto offese, né tantomeno minacce: “Certo, ogni tanto qualche battutaccia, ma niente di grave”, ha raccontato. Almeno fino all’incontro con l’impiegato della Asl.

Ibrahima, una volta tornato a casa e parlato con la moglie, ha poi deciso di sporgere denuncia: “Mai come in quel momento mi sono sentito umiliato, è giusto che chi ha sbagliato paghi”, ha tuonato.

Una volta arrivato al comando dei carabinieri, ha raccontato tutto e la sua storia è stata subito ripresa e rilanciata su Twitter da diversi utenti.

Tantissimi gli attestati di solidarietà, qualche commento becero come sempre, ma subito zittito da altri post social.

Ma chi è stato ad insultare Ibrahima? Il nome non è stato fatto. La stessa vittima dell’insulto non lo conosce. “Avrà avuto 50-60 anni, alto, capelli grigi, occhiali”, le parole dell’italo-senegalese.

Gli altri dettagli li ha rivelati ai carabinieri che stanno effettuando le indagini per risalire all’autore delle offese razziste.

Una volta individuato il razzista non rischierà solo guai penali, ma – probabilmente – pure di perdere il lavoro. Ma per questo è presto. Prima bisognerà trovare il responsabile e confermare le accuse.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI