Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:01
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » News

“Cos’hanno di diverso i ragazzi thailandesi dai piccoli migranti sui gommoni nel Mediterraneo?”

Immagine di copertina

La lettera del direttore generale dell'ospedale pediatrico Meyer di Firenze: "come umani dovremmo sapere ricercare nel profondo di noi stessi i sentimenti di paternità e maternità per ogni piccola creatura sofferente nel pianeta"

“Mi chiedo che cosa abbiano di diverso i bambini thailandesi bloccati da giorni nelle grotte rispetto ai piccoli migranti che vagano nei gommoni nel Mediterraneo, in attesa anch’essi di essere salvati”.

Sulle pagine del quotidiano Repubblica, Alberto Zanobini, direttore generale dell’ospedale pediatrico Meyer, ha scritto una lettera in cui fa un parallelo amaro tra la vicenda dei ragazzi salvati dalla grotta in Thailandia e l’atteggiamento di molti italiani nei confronti di profughi e migranti.

Perché, si chiede Zanobini, quei meccanismi di maternità e paternità, quell’umana compassione che prende tutti nel caso della Thailandia, non si attiva anche per la tragedia quotidiana di persone che affrontano viaggi della speranza per fuggire da guerre, povertà e persecuzioni?

“Non siamo forse padri e madri anche dei piccoli africani in fuga e disperatamente in cerca di accoglienza allo stesso modo dei giovani thailandesi la cui vicenda da giorni ha mobilitato tutto il mondo per il loro salvataggio?”.

In molti hanno notato quanto stridesse il pathos nei confronti del gruppo di ragazzi in Thailandia con l’indifferenza e il cinismo che spesso accompagnano la narrazione quotidiana su profughi e migranti.

La risposta, in qualche modo, la fornisce lo stesso direttore generale dell’ospedale. Forse è la lontananza della vicenda thailandese da casa nostra a toglierle quell’aura di minaccia che invece molti avvertono nei confronti dei migranti che approdano sulle nostre coste.

“Forse perché in questo ultimo caso all’uscita del tunnel una casa lontana che non è la nostra li accoglierà? Madri e padri che in ansia li aspettano li riabbracceranno e dunque non coinvolgeranno da vicino le nostre vite e le nostre case”.

Per Zanonini, “come umani dovremmo sapere ricercare nel profondo di noi stessi i sentimenti di paternità e maternità per ogni piccola creatura sofferente nel pianeta, anche se questa è più vicina e per questo apparentemente più minacciosa”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI