Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Perché Vibo Valentia è la provincia peggiore nella quale vivere (secondo il Sole 24 Ore)

Immagine di copertina
Foto Facebook Comune Vibo Valentia

È Vibo Valentia la provincia italiana peggiore nella quale vivere. Un record – negativo – quello conquistata dalla piccola provincia calabrese conquistato per il quarto anno.

Ancora una volta, quindi, “Vibo” è in coda al report annuale del Sole 24 ore fra i capoluoghi di provincia italiani per qualità della vita.

Rispetto a un anno fa Vibo Valentia e provincia perdono ben nove posizioni. Ma vediamo perché cosa ha fatto della cittadina calabrese e dintorni il peggior luogo d’Italia nella quale vivere.

Come ogni anno, il Sole 24 Ore ha scelto di inquadrare la questione del benessere e qualità della vita attraverso 42 valori per ciascuna provincia.

Vibo Valentia si ritrova ultima per durata media dei processi nelle aule giudiziarie (più di mille giorni) e registra una delle spese più basse in Italia fra i Comuni per quanto riguarda le politiche a favore dei disabili, degli anziani e dei minori.

Fra i primati negativi di Vibo e provincia anche le imprese confiscate, i prezzi medi delle case, la spesa per i viaggi, la spesa sociale degli enti locali, l’uso della home banking, la presenza di cinema, l’offerta culturale, gli spazi dedicati allo sport.

Primati negativi che incidono in maniera determinante nella classifica finale nonostante Vibo Valentia si collochi meglio di Milano e Roma per i protesti procapite, il clima, l’indice di vecchiaia e la litigiosità in Tribunale.

Vibo Valentia detiene però il 30 per cento del totale nazionale delle imprese confiscate. Le imprese soggette ad interdittiva antimafia emesse dalla Prefettura – e quindi impossibilitate ad intrattenere rapporti con la pubblica amministrazione – interessano principalmente il settore delle costruzioni, delle attività estrattive e del calcestruzzo. Ma anche commercio e turismo.

Incide nel primato negativo della qualità della vita anche la persistente infiltrazioni mafiosa negli enti locali, tanto che attualmente sono retti da commissari straordinari, in quanto gli organi elettivi sono stati sciolti per infiltrazioni mafiose, i Comuni di Briatico, Limbadi e San Gregorio d’Ippona.

In passato sono stati sciolti anche i Comuni di Sant’Onofrio, Stefanaconi, Tropea, Ricadi, Nicotera (tre volte), Mileto, Parghelia, Mongiana, Fabrizia, Nardodipace, San Calogero, ma anche l’Azienda sanitaria provinciale.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI