Covid ultime 24h
casi +10.497
deceduti +603
tamponi +254.070
terapie intensive -57

A Belluno un processo per violenza sessuale è fermo perché manca un interprete che traduca il dialetto casertano

Di Laura Melissari
Pubblicato il 28 Feb. 2019 alle 15:00
0
Immagine di copertina

I giudici del Tribunale di Belluno hanno interrotto un processo per violenza sessuale perché non si riesce a trovare un interprete che traduca il dialetto casertano dell’imputato.

La vittima è la compagna di dell’imputato. L’interprete dovrebbe trascrivere 26 ore di registrazioni degli insulti che l’uomo avrebbe rivolto alla donna. I dialoghi sono pieni di parolacce e imprecazioni in dialetto casertano stretto.

Proprio in questi giorni è arrivato al comando dei carabinieri di Belluno un appuntato di Caserta, e si spera che possa essere utile nella vicenda. Il carabiniere ha ora 90 giorni per tradurre le registrazioni. A riferire la notizia è il quotidiano locale Il Gazzettino Veneto.

In questi giorni però è arrivato al comando dei carabinieri di Belluno un appuntato di  Caserta, i giudici sperano in una svolta. Il carabiniere, appena arrivato, è stato portato in aula. Ha giurato di fronte ai giudici e si è preso 90 giorni per tradurre le registrazioni.

Prima di lui ci aveva provato un agente salernitano, ma non era riuscito a comprendere le parole dell’imputato.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.