Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:45
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » News

Il nuovo progetto di Just Eat contro gli sprechi alimentari

Immagine di copertina

Redistribuire le eccedenze alimentari a chi ne ha bisogno è la mission dell'iniziativa che comincerà a gennaio a Milano e destinata a funzionare su scala nazionale

Lo scorso 14 settembre è entrata in vigore la legge sugli sprechi alimentari con l’obiettivo di ridurre gli sprechi nelle fasi di produzione, trasformazione, distribuzione e somministrazione dei prodotti.

La donazione gratuita di eccedenze alimentari viene consentita anche oltre il temine minimo di conservazione, purché siano garantite l’integrità dell’imballaggio e idonee condizioni di conservazione. Sia i donatori che i riceventi, ovvero Onlus, le mense o altre organizzazioni solidali che distribuiscono i beni, devono garantire che i prodotti siano conservati, trasportati e consegnati in buono stato. 

Ristorante solidale è un progetto che nasce su impulso di tale norma e per volontà di una delle principali piattaforme di food delivery in Italia, Just Eat. 

Redistribuire le eccedenze alimentari a chi ne ha bisogno è la mission del progetto impostato su scala nazionale e che si avvale del supporto del comune di Milano – città pilota dell’iniziativa – della Caritas Ambrosiana e dei Pony Zero, che si occuperanno delle consegne e dei ritiri di cibo lungo tutta la rete dei ristoranti aderenti per poi consegnarli ai punti raccolta identificati con la Caritas.

Sul capoluogo meneghino hanno già aderito una dozzina di ristoranti ma l’obiettivo è quello di estendere il progetto a Roma e a molte altre città italiane grazie al supporto dei ristoranti partner che vorranno contribuire e iscriversi. 

I ristoranti aderenti seguiranno un calendario di appuntamenti e prepareranno, di volta in volta, le eccedenze alimentari comprendenti materie prime non lavorate, prodotti freschi, pane, prodotti integri non utilizzati, pronti per essere ritirati e consegnati in luoghi come il Refettorio ambrosiano.

Ti potrebbe interessare
News / Un servizio per chi è solo a Natale: dal 24 al 26 dicembre chiama Telefono Amico
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Ti potrebbe interessare
News / Un servizio per chi è solo a Natale: dal 24 al 26 dicembre chiama Telefono Amico
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI