Covid ultime 24h
casi +24.991
deceduti +205
tamponi +198.952
terapie intensive +125

Primarie Pd, scoppia il caso: ecco il seggio dove i voti sono più dei votanti

Di Daniele Nalbone
Pubblicato il 5 Mar. 2019 alle 18:23
0
Immagine di copertina

Possiamo definirlo il “caso Luzzi”. Il risultato delle primarie del Partito Democratico nel piccolo comune della provincia di Cosenza è finito sotto la lente d’ingrandimento.

Il motivo: il numero dei votanti, domenica 3 marzo, è stato di 269. Ma le schede valide per il conteggio finale sono state 368.

Numeri riportati nero su bianco sul verbale relativo alle votazioni per le primarie. Ed è basandosi su questi numeri che Michele Dima, componente della direzione provinciale Pd Cosenza, chiede l’annullamento della votazione del seggio e il commissariamento della sezione locale del partito.

Continua sotto la foto

“Poi ci chiediamo il perché dal 45% siamo scesi non so dove”, lo sfogo a TPI dell’esponente dem. “Poi ci chiediamo il perché sia così difficile invitare amici e parenti a votare alle primarie. Poi ci chiediamo il perché la gente crede alle fake news!”.

Dima attacca i vertici provinciali del Pd, tanto da chiedere il commissariamento della sezione locale.

“Il perché” delle sue domande retoriche “è semplice e la risposta è palese, perché voi ed i vostri padroni avete stancato tutto e tutti, e con il vostro atteggiamento state solo distruggendo quel poco di democrazia che forse ci faceva bene! Un partito così non lo vogliamo più”.

Anche i Giovani democratici di Luzzi, come riportano diversi media locali, sono insorti: quella avvenuta domenica “è una brutta pagina di democrazia”, denuncia il segretario locale Mattia Lupinacci.

“Alla chiusura del seggio, così come riportavano i registri di sezione, si erano recati alle urne 269 cittadini. Con nostra grande sorpresa a fine scrutinio sono magicamente comparse 99 schede in più rispetto ai reali votanti della sezione”.

Così, come promesso, nella mattinata di martedì 5 aprile Michele Dima – come si vede dal documento qui sotto – ha chiesto formalmente al segretario Luigi Guglielmelli (“e, per conoscenza, al Commissario Regionale Pd Calabria, Stefano Esposito”) di “invalidare il seggio” e di “commissariare la sezione di Luzzi”.

Continua sotto la foto

“Dopo un attentato del genere alla democrazia da parte dei signori del Pd”, denuncia Dima, “penso sia doveroso da parte di chi crede nella politica, chiedere formalmente che si ristabiliscano le regole democratiche”.

Al centro, l’immagine del nuovo corso del Pd: “Stiamo cercando senza sosta di passare dalle parole ai fatti, è proprio così che vogliamo riconquistare la fiducia dei cittadini, che ormai non credono più nella politica”.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.