Covid ultime 24h
casi +19.350
deceduti +785
tamponi +182.100
terapie intensive -81

Primarie Pd, si vota il 3 marzo 2019. Tutte le tappe che portano alle elezioni

Di Laura Melissari
Pubblicato il 25 Feb. 2019 alle 18:19 Aggiornato il 26 Feb. 2019 alle 18:15
0
Immagine di copertina

Il 3 marzo 2019 si tengono le primarie del Partito democratico. I seggi per le elezioni sono aperti dalle 8 alle 20.

Possono votare all’elezione del Segretario e dell’Assemblea nazionale del Partito democratico tutte le elettrici e gli elettori che dichiarino di riconoscersi nella proposta politica del Pd e di sostenerlo alle prossime elezioni.

Per poter votare, è necessario esibire il proprio documento di riconoscimento e la propria tessera elettorale e pagare un contributo simbolico di 2 euro. Gli iscritti al Pd non sono tenuti a versare i due euro.

Il voto si esprime tracciando un segno su una delle 3 liste di candidati all’Assemblea nazionale.

È possibile votare

I candidati alle primarie Pd, Nicola Zingaretti, Maurizio Martina e Roberto Giachetti si sfideranno in un dibattito televisivo su Sky giovedì 28 febbraio alle ore 13.

A questo link tutto quello che c’è da sapere sui candidati

Primarie Pd 3 marzo | Come e quando si vota

La prima fase dell’iter per il Congresso era la costituzione delle Commissioni congressuali provinciali e Regionali, entro il 4 dicembre. Entro il 12 dicembre occorreva poi presentare le candidature corredate dalle firme di almeno 1.500 iscritti di cinque regioni appartenenti ad almeno tre circoscrizioni elettorali per il Parlamento europeo.

Le riunioni dei circoli per il voto dei soli iscritti al partito si sono svolte dal 7 al 27 gennaio 2019.

Il 3 febbraio è stato ufficializzato il risultato del voto degli iscritti e i 3 candidati più votati parteciperanno alle primarie del 3 marzo. Si tratta di Nicola Zingaretti, che ha ottenuto 88.918 voti, pari al 47,38 per cento, Maurizio Martina, con il 36,10 per cento dei voti e Roberto Giachetti, con l’11,13 per cento dei voti.

In questa fase sono rimasti esclusi Francesco Boccia, Maria Saladino e Dario Corallo.

Ciascuno dei tre candidati ha in seguito presentato una o più liste a suo sostegno in ciascuna provincia, dalle quali usciranno i 1.000 eletti all’Assemblea nazionale, il massimo organo del partito.

Per votare il 3 marzo occorre presentarsi al proprio seggio con un documento di identità e con la tessera elettorale. Le elezioni si svolgono il 3 marzo dalle 8:00 alle 20:00.

Per trovare il proprio seggio è possibile consultare questo link.

Il 17 marzo si svolgerà poi l’Assemblea nazionale. Qui verrà proclamato segretario il candidato che ha ottenuto almeno il 50 per cento + 1 dei voti. Se nessun candidato raggiunge la maggioranza assoluta, in sede di Assemblea si tiene un ballottaggio tra i due candidati più votati.

Questo è il fac simile della tessera elettorale:

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.