Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:21
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » News

Si vota oggi per le primarie del Partito Democratico

Immagine di copertina

Il 30 aprile 2017 si tengono le primarie del Partito Democratico. Sarà possibile votare in circa diecimila gazebo, installati in numerose città italiane

Si tengono oggi, 30 aprile 2017, le primarie del Partito Democratico. Sarà possibile votare in circa diecimila gazebo, installati in numerose città italiane. I tre candidati del Pd sono l’ex premier Matteo Renzi, il ministro della giustizia Andrea Orlando e il governatore della regione Puglia Michele Emiliano. 

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Si voterà dalle 8 alle 20. Le elezioni primarie serviranno per scegliere il Segretario e l’Assemblea nazionale del partito. 

Grande polemica nei giorni precedenti alle votazioni sulla scarsa pubblicità che il partito ha dato alle primarie, cavalcata in particolare dai candidati Emiliano e Orlando. Gli ultimi sondaggi parlano di 1 milione 700 mila elettori previsti, ma il rischio della scarsa affluenza è alto secondo gli analisti. 

Possono votare i cittadini italiani che hanno più di 16 anni, i cittadini dell’Ue residenti in Italia e chiunque abbia un permesso di soggiorno.

Chi non è iscritto al Pd deve anche versare un contributo minimo di 2 euro. Hanno l’obbligo di registrarsi on-line i ragazzi tra i 16 e i 18 anni, gli studenti e i lavoratori fuori sede e coloro che domenica non si troveranno nel loro comune di residenza.

Gli stranieri possono votare se con permesso di soggiorno o richiesta di rinnovo, esibendolo con la carta di identità. Possibile anche il voto on line, a patto di essersi registrati prima. Per votare si potrà barrare il nome della lista del candidato a segretario nazionale che si intende sostenere.

Le primarie Pd del 2013 erano state vinte con il 67,55 per cento dei voti da Matteo Renzi e circa 3 milioni erano stati gli elettori. 

Nel giorno delle primarie, l’Unità non sarà in edicola a causa dello sciopero dei giornalisti, che denunciano la volontà della proprietà di “ridurre drasticamente il numero dei dipendenti”. 

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata


Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI